Mascherine e tute monouso sequestrate dalla Finanza. Merce importata da una società umbra.

I Finanzieri del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Ancona e i funzionari dell’ Agenzia Dogane e Monopoli, hanno intercettato e impedito l’importazione di 36 mila mascherine filtranti e 10 mila tute monouso, provenienti dalla Cina. La merce è stata importata da una società umbra con interessi commerciali nelle Marche. Dagli accertamenti dei finanzieri, le mascherine sono risultate irregolari per apposizione di falsa marcatura : sono state sequestrate e l’importatore è stato denunciato per produzione e uso di atti falsi e commercializzazione di prodotti privi di attestazioni di conformità Ce. Le tute sono state requisite su disposizione del Commissario straordinario per l’emergenza Covid-19 e assegnate alla locale protezione civile. Le Fiamme Gialle di Ancona tenevano sotto controllo la merce sin dal suo arrivo  all’aeroporto di Bologna e avevano provveduto a segnalare il fatto all’Ufficio delle Dogane del capoluogo marchigiano, dove era diretta per le operazioni di sdoganamento.