Festival “Tra luce e sogno”: grande successo per la prima edizione

SELLANO – Con il Maestro Kent Nagano come Presidente Onorario, “Tra Luce e Sogno” è fondato e organizzato dal Direttore Artistico Mari Kodama Nagano e dal Direttore Generale Bita Razeghi Cattelan, in collaborazione con Castello di Postignano Servizi.

Il festival è stato organizzato nell’ambito della manifestazione culturale “Un Castello all’Orizzonte” che si tiene al borgo umbro restaurato da maggio a ottobre 2018, con il patrocinio della Regione Umbria, della Provincia di Perugia e del Comune di Sellano.

GLI ORGANIZZATORI, PER LA LORO PRIMA EDIZIONE DI FESTIVAL ITINERANTE HANNO SCELTO L’ITALIA E CASTELLO DI POSTIGNANO PERCHE’ BORGO D’ARTE E DI CULTURA INTERNAZIONALE.

Gli artisti e i concerti in programma ieri, 29 luglio, giornata conclusiva della kermesse musicale sono stati:

 

ore 11

Sacred Music

 

J.S. Bach/Ferruccio Busoni:

“Nun komm der Heiden Heiland” BWV659

Mari Kodama

 

Wilhelm Friedemann Bach: Viola Duet F 61 in G Major

Hartmut Rohde

Eivind Holtsmark Ringstad

 

J.S. Bach/Gyorgy Kurtag:

“Allein Gott in der Höh’ sei Ehr”  BWV 711

Mari Kodama

Gerold Huber

 

Paul Hindemith: Harp Sonata

Clara Bellegarde

 

J.S. Bach/Gyorgy Kurtag:
“Gottes Zeit ist die allerbeste Zeit” BWV 106 (Actus Tragicus)
Mari Kodama
Gerold Huber

 

J.S. Bach:

Suite n. 3 in do maggiore per violoncello solo, BWV 1009

Preludio e Giga

Luigi Piovano

 

*******

 

ore 18

Au revoir

 

Benjamin Britten: Lachrymæ Op. 48

Eivind Holtsmark Ringstad

Clara Bellegarde

 

 

Bela Bartok: Duets for 2 Violas  from

the second book no. 32, 25, 27, 42, 43, 44

Hartmut Rohde

Eivind Holtsmark Ringstad

 

 

Claude Debussy: Danses Sacrée et Profane L. 103

Clara Bellegarde

Svetlana Makarova

Grazia Raimondi

Hartmut Rohde

Luigi Piovano

 

 

Johanes Brahms: String Sextet No.1 Op. 18

Pavel Vernikov

Andrey Baranov

Hartmut Rohde

Eivind Holtsmark Ringstad

Luigi Piovano

Matt Haimovitz

 

*******

Nei quattro giorni di festival, il pubblico presente arrivato in Valnerina per l’occasione, ha applaudito i seguenti musicisti che si sono esibiti in 7 concerti  nella Chiesa SS. Annunziata:

la soprano Sheva Tehoval; al pianoforte, Mari Kodama – Momo Kodama – Gerold Huber; al violino, Pavel Vernikov – Andrey Baranov – Svetlana Makarova – Grazia Raimondi; alla viola,  Hartmut Rohde – Eivind Holtsmark Ringstad; al violoncello, Luigi Piovano – Matt Haimovitz; al clarinetto, Pascal Moragues; all’arpa, Clara Bellegarde.

 

A proposito della prima edizione di “Tra Luce e Sogno”, Mari Kodama Nagano e Bita Razeghi Cattelan hanno dichiarato: “Insieme e con l’incoraggiamento e il sostegno del Maestro Kent Nagano, abbiamo deciso di creare un festival di musica da camera eccezionale, eseguito da artisti di livello mondiale, nell’intima e storica cornice del Castello di Postignano, incastonato tra le dolci colline dell’Umbria, in Italia. “Tra Luce e Sogno” è stato ispirato dalla bellezza e dall’amicizia per celebrare la nostra gioia e passione per la storia e la cultura”.

 

“Tra Luce e Sogno 2018″ è stato reso possibile grazie a:

Wicha Music Foundation, Haivision, Bita & Paolo Cattelan, Fondation Emmanuelle Gattuso, Niminimi, Groupe Leclair, Scott Yetman Design, ProdCan, Relais Castello di Postignano, Convento di Acqua Premula.

Con il supporto di:

Mirko & Colleen Wicha, Bita & Paolo Cattelan, Emmanuelle Gattuso, Marina Gusti, Raymonde Lavoie, Nimi Nanji Simard, John Farrell & Francois Leclair, Jean-Michel Lavoie & Scott Yetman,

Mariella Pandolfi, Lance Boulet.

https://www.traluceesogno.com

 

*****************

Castello di Postignano, in Umbria, frazione del Comune di Sellano (PG), fu abbandonato negli anni ’60 ed è tornato a vivere grazie ad una attenta opera di restauro durata molti anni: è stato inaugurato nel giugno 2011.

 

HA RETTO PERFETTAMENTE E SENZA ALCUN DANNO ALLE SCOSSE DEL TERREMOTO CHE SONO AVVENUTE DA AGOSTO AD OTTOBRE 2016, GRAZIE ALLA QUALITÀ ANTISISMICA DEL RESTAURO.

 

E’ interamente vincolato dal Ministero dei Beni Culturali;
nel 2014, nell’ambito del Premio ‘La Fabbrica nel Paesaggio’, ha avuto l’attestato di merito dalle Federazioni italiane ed europee dei Club e Centri per l’UNESCO “come efficace interprete dei valori unescani per la salvaguardia e tutela del paesaggio e dell’ambiente ”;
nel 2016, è entrato a far parte de “I Borghi più belli d’Italia” attraverso Sellano, il suo Comune, di cui è una delle gemme più preziose;
il 6 novembre 2017, a Londra, presso il The May Fair Hotel, il Relais Castello di Postignano è stato premiato per la categoria “BEST SERVICED ACCOMMODATION” nell’ambito del prestigioso “Europe & Mediterranean Awards for Excellence 2018”, organizzato da Condé Nast Johansens.
“Castello di Postignano è l’archetipo dei borghi collinari italiani”, così è stato definito dall’architetto americano Norman F. Carver Jr, tanto da riprodurre le imponenti case-torri del borgo, aggettanti l’una sull’altra, nella copertina del suo libro fotografico “Italian Hilltowns” pubblicato nel 1979.

 

Il borgo offre un’esperienza di turismo e di vita sostenibili, fatti di sostanza e di emozioni: case perfettamente restaurate nel rispetto dell’impianto medievale delle architetture, ma caratterizzate da tutte le risorse di una vivibilità moderna – un relais villaggio albergo 4 stelle – un ristorante/trattoria dove, la cucina semplice, l’attenzione alle tradizioni e alla qualità delle materie prime sono la sua filosofia – una caffetteria con  terrazza panoramica – un wine bar “Vini e Oli dell’Umbria” – un centro servizi – l’antica Chiesa della SS. Annunziata, oggi luogo di eventi culturali, artistici e di intrattenimento; qui i restauri hanno svelato affreschi di antica bellezza, tra i quali una Crocifissione del XV secolo apparsa dietro una parete crollata – una biblioteca in collaborazione con l’Associazione INTRA Umbria dei libri salvati, dedicata a giardini, orti e parchi – alcune botteghe artigiane – un centro benessere, la piscina, l’area all’aperto “Il Giardino delle Rose”.

 

La principale originalità del borgo restaurato consiste nell’unire destinazione turistica e destinazione residenziale: oltre al Relais con le sue suite, comprende una trentina di case di residenza, alcune già vendute ed altre in vendita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.