“Jorge Mario Bergoglio. Una biografia intellettuale”, la presentazione a Perugia

PERUGIA – Un libro che ripercorre e analizza la formazione intellettuale di Papa Francesco, tradotto in portoghese, spagnolo, polacco e inglese, scritto da Massimo Borghesi, professore di Filosofia Morale del Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali, Umane e della Formazione dell’Università degli Studi di Perugia. La presentazione del volume “Jorge Mario Bergoglio. Una biografia intellettuale”, edito da Jaca Book, si terrà a Perugia Mercoledì 6 febbraio 2019 alle ore 16 nell’aula tesi di Palazzo Florenzi.

Introduce e modera il professor Massimiliano Marianelli, delegato del Rettore per la Didattica. Ospiti d’eccezione il Magnifico Rettore Franco Moriconi, sua eccellenza il Cardinale Gualtiero Bassetti e la professoressa Claudia Mazzeschi, Direttore del Dipartimento di Filosofia, Scienze Sociali Umane e della Formazione dell’Università degli Studi di Perugia, a cui afferisce il professor Borghesi e che ha promosso e sostenuto la presentazione del volume a Perugia.

Seguiranno gli interventi della professoressa Cristina Papa (Antropologia culturale, Dipartimento Filosofia Scienze Sociali, Umane e della Formazione), del professor Marco Moschini (Filosofia Teoretica, Dipartimento Filosofia Scienze Sociali, Umane e della Formazione) e del professor  Luca Alici (Filosofia politica, Dipartimento Filosofia Scienze Sociali, Umane e della Formazione). Alla presentazione sarà presente anche l’autore del libro, il professor Massimo Borghesi.

IL LIBRO – La formazione intellettuale di Jorge Mario Bergoglio, qui analizzata e ripercorsa per la prima volta, consente di comprendere lo sguardo complesso e poliedrico che guida l’attuale Pontificato. Formatosi alla scuola dei gesuiti, di quelli francesi in particolare, Bergoglio ha assimilato il messaggio di sant’Ignazio attraverso la lettura, «dialettica e mistica» a un tempo, di uno dei più acuti filosofi del XX secolo: Gaston Fessard. Da qui sorge l’idea del cattolicesimo come ‘coincidentia oppositorum’ che lo porta all’incontro con l’antropologia polare di Romano Guardini e con il pensiero del più rilevante intellettuale cattolico latinoamericano della seconda metà del ‘900: Alberto Methol Ferré. Si precisa, in tal modo, la prospettiva di una riflessione, originale e feconda, in grado di misurarsi con le grandi sfide della Chiesa nell’era della globalizzazione. Il testo ha potuto giovarsi, nella sua ricostruzione, di quattro interviste concesse dal Pontefice attraverso file audio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.