Si alza il sipario sulle Infiorate di Spello: venerdì kick off, sabato la Notte dei fiori

A Spello è  tutto pronto per le Infiorate del Corpus Domini. Mentre prosegue frenetica la corsa alla raccolta dei fiori, il programma prevede che il venerdì sera i gruppi infioratori allestiscano, tra musica e locali aperti,  le tipiche tensostrutture che consentiranno ai visitatori di curiosare da apposite aperture e agli infioratori di proteggere da vento e pioggia le loro opere.  Nel tardo pomeriggio del sabato poi, i gruppi inizieranno a disegnare sull’asfalto i bozzetti che rappresentano motivi di ispirazione religiosa e di umana solidarietà, reinterpretati sempre con rinnovata sensibilità. Durante la notte, c’è chi continuerà senza sosta a mondare e selezionare i fiori negli angoli dei vicoli, sotto i porticati e nelle cantine, mentre gli infioratori deporranno sui disegni, con precisione certosina, milioni di petali (freschi e secchi in base alle sfumature cromatiche richieste dal bozzetto), foglie e altri elementi rigorosamente vegetali, come previsto dal regolamento del concorso, che quest’anno festeggia la sessantesima edizione. Il lavoro sul selciato delle strade durerà fino alle 8 della domenica, quando la giuria passerà per la valutazione, e turisti e visitatori potranno ammirare le opere ultimate in tutto il loro splendore. Poi, dalle ore 11, la processione del Corpus Domini  vi passerà sopra, come vuole la tradizione, ricordando il senso effimero della loro bellezza.

Nella Notte dei fiori… A fare da cornice ai lavori degli infioratori anche quest’anno ci saranno alcune iniziative collaterali: la mostra di fotografia storica a cura del Circolo Cinefoto Amatori Hispellum (Sala dell’Editto del Palazzo Comunale);  la mostra mercato di florovivaismo e artigianato che torna a grande richiesta nei giardini pubblici ai piedi del borgo di Spello;  la mostra permanente dei bozzetti al museo delle infiorate, le visite guidate notturne alla Villa dei mosaici,  gli abbellimenti floreali realizzati per il concorso “Finestre, balconi e vicoli fioriti” promosso dalla Pro loco. E come sempre i ristoranti e gli esercizi commerciali resteranno aperti no stop per tutta la notte dei fiori fino alla domenica.

Infioratore per una notte! Durante la  notte dei fiori, che coinvolge attivamente circa 2.000 persone di tutte le età, compresi quasi 500 bambini, i turisti e i visitatori potranno non soltanto guardare ma anche partecipare e improvvisarsi “infioratore per un giorno”: per un’esperienza ancora più immersiva e coinvolgente, quest’anno i turisti potranno addirittura unirsi ad alcuni gruppi e dare il loro contributo collaborando alla capatura dei fiori e alla realizzazione dell’opera.

Le opere in concorso. Partecipano al 60esimo Concorso Infiorate di Spello quasi 40 gruppi per oltre 70 infiorate nelle categorie quadri (dai 25 ai 70 mq), tappeti e tappeti geometrici (minimo 15 mq) e Under14 (minimo 12 mq), ma come sempre sulle strade si aggiungeranno anche opere estemporanee che daranno continuità al percorso floreale che dal borgo sale fino al belvedere per circa 2 chilometri.

60anni di Concorso. Sebbene la tradizione delle infiorate a Spello affondi le sue radici in tempi molto lontani (è documentata per la prima volta nel 1602), nel 2023 si celebra il traguardo della 60esima edizione del Concorso delle Infiorate, una sfida simbolica nata ad opera della Pro Loco di Spello e poi dal 2002 organizzata dall’Associazione “Le Infiorate di Spello”, che  contribuisce a tramandare con allegria e passione, anche tra i giovani, l’arte dell’infiorare. Per questo sentito anniversario, sono state organizzate alcune iniziative speciali. Tra queste un foulard in tiratura limitata raffigurante l’unica infiorata del 2021, ancora in piena pandemia, realizzato, con tessuto ecologico e tinte naturali, dal noto stilista Claudio Cutuli. Il foulard celebrativo è in vendita presso il Museo delle Infiorate. Inoltre, un annullo filatelico speciale che Poste Italiane ha dedicato alle infiorate su cartolina realizzata dal maestro Elvio Marchionni (domenica mattina alle ore 8 in piazza della Repubblica). Un’occasione per tutti coloro che desiderano un ricordo artistico davvero unico di questo importante anniversario.

Il percorso delle infiorate.   Partendo da Borgo si incontreranno i gruppi Aisa e Aisa Junior, Avis,  Borgo,  Filippo Petrucci, i Figli dei Fiori e i Figli dei Fiori Junior. Salendo per via Consolare le prime infiorate che si trovano sono Fonte di Borgo e Fonte di Borgo Junior, il Liceo Marconi e i Grandi della Corta. Davanti alla chiesa di Santa Maria Maggiore ecco il gruppo San Felice e poco sopra, davanti alla chiesa di Sant’Andrea il Liceo Marconi. Arrivando in Piazza della Repubblica si incontrano Gruppo Giorgio, Mater e I piccoli della Mater, Studenti in Fiore (gruppo della Scuola Secondaria di I grado G. Ferraris), I Petalosi e Montarone. In via Cavour, davanti alla chiesa di San Lorenzo, il gruppo Lisa-San Lorenzo. Procedendo verso via Giulia si potranno ammirare i tappeti del gruppo Arco di Augusto, Le giovani di ieri e I Primi Petali. All’angolo che precede Vallegloria si incontra Piazzetta già della Santissima Trinità seguita dal gruppo Vallegloria.  Proseguendo per Via Cappuccini si trovano poi i gruppi Ciciano, Via Cappuccini e Lucidi Rossella. Al belvedere Arco Romano (il vincitore 2022) e Arco Romano Junior e ridiscendendo da Via San Martino il gruppo Sempre troppo pochi.

I parcheggi. In vista della migliaia di presenze previste nel fine settimana, anche se non è obbligatoria, la prenotazione online dei parcheggi (tutti nei pressi del centro storico) è come sempre fortemente raccomandata per chi arriva in auto, moto e autobus. Prenotazione dal sito www.infioratespello.it  e dalle pagine Facebook delle Infiorate di Spello della Pro Loco Spello.