Buon Ferragosto 2018

di Pierluigi Castellani

Insieme al doveroso augurio di buon ferragosto a tutti gli amici di Umbria Domani il nostro pensiero va alla singolarità di questo particolare 15 agosto 2018 in cui il nostro paese, soprattutto in virtù dei politici che hanno dato vita al cosiddetto governo del cambiamento, sembra non trovare un momento di tranquillità per fare seriamente il punto sui traguardi raggiunti e sugli obbiettivi futuri da perseguire. Si sentono parole in assoluta libertà, spesso tra loro contrastanti, che disorientano e fanno temere per le difficoltà che ci troveremo di fronte alla ripresa settembrina. Il solito Salvini auspica il ritorno al servizio militare obbligatorio e per converso la ministra Trenta, titolare del dicastero della difesa, dichiara che si tratta di un’idea romantica e quindi irrealizzabile senza tener conto della singolarità delle motivazioni addotte dal leader leghista, che giustifica la sua richiesta con la necessità di fornire un’occasione di educazione ai giovani.

Salvini dimentica che un governo serio, che davvero voglia provvedere all’educazione dei giovani, dovrebbe investire tutte le risorse disponibili sulla scuola,che è l’unica insieme alla famiglia, come ricorda la nostra Costituzione, ad avere espressamente l’obbligo educativo delle nuove generazioni. E poi c’è la questione vaccini. La ministra della salute Grillo ipotizza l’obbligo flessibile ( un vero e proprio ossimoro) contro il parere di tutti i medici e la scienza e con una circolare proroga di un anno la validità dell’autocertificazione per ammettere a scuola i più piccoli. Ma giustamente i presidi , spalleggiati dal ministro dell’istruzione ( almeno così sembra), ricordano che una circolare non può superare una legge vigente  e che quindi dovranno per forza attenersi alle prescrizioni della legge Lorenzin per non incorrere in guai seri ,perchè si tratta della salute dei nostri alunni con quanto di conseguenze ,anche penali, può incorrere chi non si attiene alle leggi del nostro paese. Ma tant’è! Infatti tra le esternazioni di questa afosa estate c’è stata quella di un consigliere regionale pentastellato, quindi dello stesso movimento della ministra della salute, che  urbi et orbi ha dichiarato che prima della scienza viene la politica non consapevole di quanta pericolosa sia l’assolutizzazione di questa affermazione. Viene spontaneo invitare questo militante grillino a rileggere quanto in proposito ebbe a scrivere nel 1939 ( si badi bene 1939!) Thomas Mann :” L’assolutismo della politica, la sua dittatura totale sopra tutto l’umano, questa è la rovina della libertà, annientatrice della civiltà”.

Ma purtroppo c’è dell’altro. E così abbiamo che  mentre il potente sottosegretario Giorgetti  della Lega avanza la preoccupazione di una possibile aggressione dei mercati all’Italia nella ripresa autunnale il vicepremier Luigi Di Maio dichiara che l’Italia non teme attacchi anche se le contrastanti indicazioni di membri del governo circa la legge di stabilità , che dovrebbe contenere importanti misure finanziarie ed economiche, facciano sorgere incertezze e preoccupazioni in molti settori della vita sociale e produttiva del paese. E non dimentichiamo che in questi giorni  la nave Aquarius di Medici Senza Frontiere sta navigando nel Mediterraneo con il suo carico di 141 migranti, di cui 67 minori, in attesa chequalche paese dell’Europa, che pur vanta radici cristiane, indichi un porto per il suo approdo. Per questo è bene che tutti, tralasciando le consuete polemiche e non dando ascolto alle tante parole in libertà, trovi il tempo in questo periodo di pausa e di riposo per meditare sul richiamo che Papa Francesco ha rivolto ai giovani che hanno affollato piazza San Pietro: “Ognuno è colpevole del bene che poteva fare e non ha fatto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.