Anci Umbria ha celebrato la nascita ufficiale dell’associazione “Città dell’Aria”

Promuovere il territorio umbro da un’altra angolazione, quella offerta dal mondo aeronautico, attraverso l’associazione “Città dell’Aria”: è con questo spirito che Anci Umbria ha aderito all’associazione, insieme a 13 Comuni della nostra regione, e che, nelle settimane scorse, ha partecipato, con alcuni sindaci, alla cerimonia per la nascita ufficiale dell’associazione, durante le celebrazioni per i 110 anni di Aero Club d’Italia, presso l’aeroporto di Pavullo nel Frignano.

Nei tre mesi dalla costituzione dell’associazione, sono più di 100 fra Comuni, enti gestori, aziende, associazioni, aeroclub e Avioclub che vivono la realtà del volo da diporto e sportivo.

Obiettivo di Città dell’aria è quello di mantenere vivo l’interesse storico, sociale, culturale, sportivo ed economico per il mondo del volo e di creare un’offerta strutturata per poter conoscere e visitare le bellezze italiane attraverso pacchetti ad hoc, con progetti di avioturismo.

Per Anci Umbria si tratta di un’ulteriore possibilità di rilancio dei territori umbri, un volano per la crescita e lo sviluppo della regione, creando importanti opportunità anche per tutti gli altri settori legati al turismo.

I Comuni umbri che hanno aderito sono 13: oltre ad Anci Umbria, i Comuni di Castel Ritaldi, Castiglione del Lago, Città della Pieve, Foligno, Gualdo Cattaneo, Gubbio, Lugnano in Teverina, Magione, Marsciano, Passignano sul Trasimeno, Perugia, Terni, Todi.