Città della Pieve, estorsione a una giovane barista, arrestati l’ex e l’amico

CITTÀ DELLA PIEVE – Sono accusati di avere estorto 250 euro a una giovanissima barista minacciandola di distruggere il locale dove lavora, due giovani disoccupati della provincia di Frosinone arrestati dai carabinieri.
I militari li hanno bloccati subito dopo avere ricevuto una busta con il denaro.
A Città della Pieve i giovani, di 21 e 24 anni, erano arrivati dopo un viaggio in treno fino a Chiusi e quindi con un taxi fatto pagare alla barista.
Questa, già martedì, aveva avuto un primo contatto con i carabinieri per denunciare una serie di atti persecutori compiuti nei suoi confronti da due coetanei, con uno dei quali aveva avuto una relazione sentimentale. Ieri mattina la giovane barista si è però nuovamente presentata in caserma per riferire di avere ricevuto una serie di telefonate intimidatorie da parte dei due giovani che l’avevano minacciata di distruggere il bar dove lavora se non avesse consegnato una somma di denaro.
Su consiglio dei militari, la giovane ha accettato di pagare dando appuntamento ai due giovani per l’ora di pranzo all’interno del bar dove erano però già posizionati i carabinieri in abiti civili, come normali clienti. Hanno così assistito allo scambio di denaro, bloccando sulla soglia del bar i due giovani che sono stati perquisiti e trovati in possesso della busta con i 250 euro che erano stati consegnati dalla giovane.
Dagli accertamenti è emerso che uno dei due, già con precedenti per furto, aveva detto alla barista che sarebbe tornato dopo pochi giorni per farsi consegnare altro denaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.