Marsciano, ruba borsello a una suora: arrestato poco dopo

MARSCIANO – Un maghrebino di 27 anni è stato bloccato e arrestato, a Marsciano, dai carabinieri con la collaborazione di un poliziotto libero dal servizio, per un furto con strappo commesso ai danni di una suora.
Il giovane, disoccupato, domiciliato a Fratta Todina, dopo aver seguito la religiosa, nel momento in cui la stessa stava rientrando nella sua abitazione di Marsciano, le ha strappato il borsello che teneva sotto il braccio, per poi fuggire per le vie del paese.
La suora, hanno riferito i militari, è riuscita a vedere il giovane ma non a fermarlo e, dopo un breve tentativo di
inseguimento, con l’aiuto di una ragazza che si trovava nei pressi, si è recata alle Poste per bloccare la tessera bancomat che aveva nel borsello rubato.
Davanti all’ufficio postale le due donne hanno incontrato il presunto responsabile del furto, intento a prelevare al bancomat con la tessera rubata poco prima che, alla vista della suora e della ragazza, ha lasciato inserita nello sportello, prima di fuggire di nuovo.
Durante la fuga è stato però intercettato da un sovrintendente della polizia di Stato, in servizio alla squadra
mobile della questura di Perugia, in quel momento libero dal servizio, il quale è stato messo in allarme dalle grida di aiuto delle inseguitrici. Poco dopo il poliziotto e i carabinieri sono riusciti a bloccare il giovane e a recuperare una somma di denaro (alcune decine di euro) presumibilmente prelevata dal borsello della suora.
L’arresto è già stato convalidato. Il giovane è stato condannato a un anno di reclusione e 400 euro di multa e rimesso in libertà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.