Perugia, compensi Afas: la Corte dei conti assolve i dirigenti del Comune

PERUGIA – Non c’è danno erariale a carico dei dirigenti del Comune. A dirlo la Corte dei Conti relativamente alla vicenda delle indennità dei vertici Afas nel corso delle ultime due legislature. La magistratura ha così assolto i dirigenti di Palazzo dei Priori che avevano dato il via libera al bando con cui era stata effettuata la selezione per il presidente e altri membri del Cda di Afas. Assolti dunque Dante De Paolis e Daniela Sarnari difesi dagli avvocati Francesco De Matteis, Mario Rampini e Federica Pasero.

Secondo l’accusa c’era una multa di 159mila euro perché gli incarichi non potevano essere retribuiti. Secondo i giudici invece era possibile corrispondere compensi a presidente e Cda di aziende come Afas. Nel bando sotto accusa c’era anche scritto che i comensi sarebbero stati elargiti salvo “diversa deliberazione del consiglio comunale”. Decisione quindi rimessa alla politica, che non si è mai espressa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.