Perugia, falso dipendente Enel cerca di truffare un’anziana, messo in fuga dalla vicina di casa

PERUGIA – Si è recato presso un appartamento di Ponte Felcino, abitato da una signora ultraottantenne, e si è fatto aprire la porta qualificandosi come agente Enel che le avrebbe fatto sottoscrivere un vantaggioso contratto di fornitura dell’energia elettrica.

Questo l’espediente utilizzato ieri pomeriggio da un giovane, che è dunque riuscito ad accedere all’abitazione dell’anziana.

Una volta dentro, stando a quanto raccontato dalla signora, le ha proposto di firmare il contratto, ma la signora non si è fatta convincere, tanto da chiedergli dopo pochi minuti di andarsene.

A questo punto, però, il giovane si è rifiutato di allontanarsi e l’anziana, temendo potesse trattarsi di un malintenzionato, ha iniziato a chiedere aiuto a gran voce.

Fortuna ha voluto che nell’appartamento accanto vi fosse una vicina che ha sentito tutto e che, comprendendo il pericolo, ha chiamato il 113.

Dal canto suo, l’uomo deve aver intuito che, con tutto quel rumore, probabilmente sarebbe ben presto sopraggiunto qualcuno, sicché, per evitare guai, se ne è andato proprio qualche minuto prima dell’arrivo della volante.

Gli agenti, una volta accertato che il falso agente Enel se l’era svignata, hanno verificato che dall’appartamento non fosse stato asportato nulla, quindi hanno ascoltato il racconto della signora e della sua vicina. La polizia è al lavoro al fine di identificare il giovane e si raccomanda a tutti, ed in particolare alle persone che vivono da sole, di prestare la massima attenzione a queste e ad altre situazioni del genere, non esitando ad allertare le forze dell’ordine ove si dubiti delle reali intenzioni di chi suona al campanello e, soprattutto, avendo cura di non aprire la porta a persone che possano apparire sospette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.