Valfabbrica, un arresto e due denunce per ipotesi di spaccio e favoreggiamento

I Carabinieri della Stazione di Valfabbrica hanno tratto in arresto un cittadino extracomunitario, in Italia senza fissa dimora, in esecuzione a due provvedimenti emessi nel 2020 e nel 2021 dalla Procura e dall’Ufficio GIP del Tribunaledi Firenze, indagato per spaccio di sostanze stupefacenti ed evasione dagli arresti domiciliari, rimasti sinora in sospeso poiché irreperibile.

I Carabinieri di Valfabbrica hanno proceduto al controllo di un appartamento segnalato dai residenti, all’interno del quale sono state identificate 4 persone. Eseguite le verifiche sulle identità, una di esse è risultata destinataria delle due misure restrittive, benché abbia fornito ai militari documenti con generalità diverse da quelle utilizzate in passato; lo stratagemma non gli ha comunque evitato di essere associato presso la casa circondariale di Perugia, dove dovrà scontare più di due anni di detenzione.

 

Le verifiche sulle identità sono state estese anche agli altri presenti: uno di essi è stato deferito in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria di Perugia poiché ritenuto responsabile della cessione di stupefacenti in più occasioni nello jesino e una donna è stata denunciata per aver agevolato la latitanza dell’arrestato, affittandogli l’immobile. Oltre alla fattispecie penale, la donna è stata sanzionata anche per violazioni amministrative connesse alla irregolare locazione.