Perugia, incendiato camion dentro una galleria della E45. Melasecche: ”grazie ai vigili del fuoco per loro grande professionalità”

Incendiato un mezzo adibito a trasporto carta dentro la galleria di Piscille di Perugia, direzione Siena, sulla E45. L’autista è illeso e al momento non si registrano altre persone coinvolte. Sono intervenute sul posto due squadre della centrale dei Vigili del Fuoco di Perugia con tre mezzi, una di corso Cavour. Il raccordo autostradale è stato chiuso in entrambi i sensi di marcia (riaperto in serata nell’altra corsia trasformata a doppio senso) e l’incendio è sotto controllo.

 

Melasecche: ”grazie ai vigili del fuoco per loro grande professionalità” – “L’ennesimo odierno incidente nelle gallerie di Perugia obbliga tutti gli umbri ad una riflessione conclusiva sulla assoluta urgenza di affrontare con serietà il problema della sistematica congestione del traffico, soprattutto pesante, in quel tratto di strada da troppi anni trasformato da una serie di concause in una sorta di imbuto/ camera a gas per la quantità enorme di veicoli che l’attraversano”: lo afferma l’assessore regionale ai trasporti Enrico Melasecche in relazione all’incendio di un camion dentro la galleria di Priscille.

   “L’incidente – ha proseguito –  avrebbe potuto concludersi con la perdita di molte vite umane e solo l’intervento tempestivo e professionale dei Vigili del Fuoco, che anche in qualità di assessore regionale alla sicurezza stradale ringrazio sentitamente, è riuscito a spegnere l’incendio. Altre tre operazioni di soccorso negli ultimi giorni su altrettanti incidenti hanno fatto cadere l’intera area per molte ore in balia della confusione più totale, ben superiore a quella consueta. Anche oggi l’Anas – ha sottolineato l’assessore – ribadisce per bocca dei vertici regionali l’importanza risolutiva di quel doppio intervento, realizzando sia la nuova bretella da Collestrada a Madonna del Piano sulla E45, sia ampliando lo svincolo di Ponte S. Giovanni, richiesto anche quello da questa giunta, la cui progettazione è in corso ed il cui finanziamento è disponibile. Il problema del Nodo di Perugia scuote le coscienze di chiunque ritiene non più rinviabile la soluzione della più grave criticità regionale. Il rischio di perdere il treno che sta passando – ha concluso – costituirebbe una responsabilità storica, morale prima ancora che politica ed amministrativa, di fronte a tutti gli umbri”.