Curare l’orto come terapia a sostegno dei disabili. Presentato il progetto “OrtoInsieme”

FRATTA TODINA – A sostegno dei disabili a Fratta Todina è stato presentato un progetto incentrato sulla cura dell’orto come strumento di terapia finalizzato all’inclusione sociale di giovani e adulti con disabilità intellettive o del comportamento. I dettagli del progetto “OrtoInsieme” sono stati illustrati in un incontro in cui hanno partecipato l’assessore regionale alla Salute, Coesione Sociale e Welfare, Luca Barberini, la direttrice del Distretto Media Valle del Tevere della Usl Umbria 1, Maria Donata Giaimo, il sindaco del Comune di Marsciano Alfio Todini per la Zona Sociale 4, il dirigente della Philip Morris Italia che ha contribuito con una donazione all’avvio dell’attività di orto terapia, Cesare Trippella. “Si tratta di un’attività innovativa di orto-terapia – è stato spiegato –  che va ad ampliare l’offerta dei laboratori protetti già messi a disposizione dalla struttura sanitaria, come cucina, ceramica, estetica, parrucchieria, serra e orto, grazie alla collaborazione con la Usl Umbria 1 e varie realtà del territorio, riqualificando il parco di palazzo Altieri e del suo disegno di “giardino all’italiana” del ‘600”. Grazie a questa iniziativa, un’area verde di circa un ettaro torna a vivere per dare opportunità e dignità a chi è più fragile, per offrire un futuro alle persone con disabilità, anche attraverso l’apprendimento di nuove abilità.  “Grazie al Centro Speranza per questa nuova importante realtà, a sostegno di chi è più in difficoltà – ha affermato l’assessore Barberini – Dobbiamo tutti fare di più sui temi della disabilità e della non autosufficienza. L’impegno della Regione Umbria è massimo e l’obiettivo è costruire un modello di assistenza innovativo e integrato con il territorio, in grado di dare risposte più adeguate alle persone, partendo dall’ascolto dei loro bisogni”. Un plauso va quindi al Centro Speranza per le sue molteplici attività a sostegno dei disabili e della loro promozione a favore dell’inclusione nella società.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta