Il Festival del Medioevo si presenta a Milano

GUBBIO – La III edizione del Festival del Medioevo che si terrà a Gubbio dal prossimo 27 settembre al 10 ottobre è stata presentata nell’Urban Center della Galleria Vittorio Emanuele. Per il lancio del cartellone con tutti gli eventi in cantiere è stata scelta la prestigiosa sede a Milano. E la scelta non è stata sicuramente casuale. La manifestazione è riuscita in pochi anni a diventare una vetrina importante sia sul piano nazionale che internazionale anche grazie alla presenza di esperti di fama mondiale e professori universitari. E la possibilità di organizzare una conferenza stampa per far conoscere programma e dettagli del Festival è indubbiamente un ulteriore salto di qualità. E non è tutto. Nel contesto di questa presentazione è stata organizzata nella Galleria in piazza Duomo anche un’esibizione degli sbandieratori di Gubbio che hanno effettuato una performace davvero sorprendente. A ciò si è aggiunta pure una degustazione di prodotti enogastronomici tipici del territorio che sono stati offerti a giornalisti e ospiti presenti. L’iniziativa è cominciata con i saluti del sindaco Stirati e dell’assessore all’urbanistica di Milano Pierfrancesco Maran. È stata poi la volta dell’ideatore e fondatore del Festival Federico Fioravanti e di seguito hanno preso la parola Maurizio Cali dell’Associazione ‘Italia Medievale’ e Filippo Giovannelli presidente ‘Stati Generali della Rievocazione Storica’. In questa cinque giorni di manifestazione, che verrà inaugurata dal professor Alberto Grohmann il 27 settembre, verranno organizzati tavoli tematici, incontri e interviste con i più importanti storici italiani e europei, insieme a scrittori, giornalisti e uomini di spettacolo, per raccontare al grande pubblico e ai numerosi appassionante di questo periodo storico, dieci secoli di storia, dalla caduta dell’impero romano alla scoperta dell’America (476-1492). Quest’anno il tema scelto per il Festival è ‘La città’, intendendo come significato più ampio tutto ciò che ruotava intorno alle piazze, i mercati, le banche e gli ospedali. I centri del potere e i luoghi della cultura, tra la filosofia e l’architettura, la moda e l’urbanistica, la fantascienza e la religione, oltre che le storie, i racconti e i segreti delle grandi città medievali. A ciò si aggiungono i numerosi eventi collaterali tra mostre, rievocazioni, film, concerti, spettacoli, giochi di ruolo e visite guidate. Il Festival è realizzato dall’associazione culturale Festival del Medioevo in collaborazione con il Comune, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia, Regione Umbria, Gai Alta Umbria, Camera di Commercio di Perugia. È inoltre patrocinato dal ministero dei Beni Culturali e dell’Istituto Storico Italiano per il Medioevo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.