Visite nei luoghi invisibili nel capoluogo umbro

PERUGIA –  Dal 6 all‘8 ottobre per gli amanti della cultura, dell’arte, e dei posti più nascosti e meno conosciuti, sarà possibile vivere un weekend nel capoluogo umbro, alla scoperta di inediti itinerari tra monumenti, luoghi e strade ricche di storia. Tra le visite maggiormemente consigliate, quella alla chiesa di San Domenico, una delle più grandi della città, che nasconde gli inaspettati spazi delle soffitte, ottenute dopo la ricostruzione del complesso ad opera di Maderno nel 1630. Camminando sopra le volte della navata sinistra sarà possibile riconoscere le decorazioni gotiche originali della chiesa illuminate da uno dei rosoni di facciata, ed osservare da vicino la splendida vetrata quattrocentesca. Altro appuntamento da non perdere è la guida alla scoperta della Perugia cinquecentesca in Via Alessi, in cui si ripercorrono tappe e la vita dell’architetto perugino Galeazzo Alessi. Per gli appassionati di trekking urbano. È previsto anche il percorso “del pellegrino” da San Costanzo a Sant’Angelo, alla scoperta delle principali chiese legate alla devozione popolare della città. Attraversando il centro si toccheranno le chiese dei Santi Patroni e dei grandi ordini mendicanti, si parlerà della presenza dei pellegrini in città e degli spazi per ospitarli. Un altro itinerario è dedicato all’archeologia industriale all’ex- Lanificio a Ponte Felcino, là dove la famiglia Bonucci trasferì la sede del lanificio nato nel rione di Porta Sole per restare attivo fino al 1996, attraversando un secolo di straordinaria espansione. Tra gli altri eventi previsti nel weekend anche lo spettacolo di Marionette al Tieffeu e visita al Museo delle Marionette a alla nuova area di Borgobello e la visita sensoriale ai luoghi dell’Ospedale antico dei Fatebenefratelli. E inoltre visite al museo-laboratorio di tessitura a mano Giuditta Brozzetti, all’oratorio di Sant’Antonio abate con i restauratori e tanti altri appuntamenti nei luoghi principi della cultura: Palazzo Gallenga–Stuart dell’Università per Stranieri, le stanze affrescate di Palazzo Manzoni dell’Università degli Studi di Perugia in piazza Morlacchi e Palazzo Murena alla scoperta dell’antico complesso monastico olivetano di Montemorcino Nuovo e l’Università, il fondo antico della Sala del Dottorato e altri tesori d’arte. Tornano poi le visite all‘l’oratorio di Sant’Agostino, alle  sale ‘proibite’ della cattedrale di S. Lorenzo, al quartiere ebraico nella Perugia medievale, alla torre degli Sciri in via dei Priori e al complesso monumentale di Santa Maria Nuova. Proseguono per tutto il weekend anche le mostre di “Musìca – Mostra di strumenti antichi” e “Sassoferrato dal Louvre a San Pietro: la collezione riunita”. Tale iniziativa è organizzata dall’Associazione culturale Luoghi Invisibili Perugia presieduta da Mons. Paolo Giulietti, vescovo vicario dell’Arcidiocesi di Perugia-Città della Pieve, con il patrocinio e la sinergia attiva di Regione Umbria, Comune di Perugia, Università degli Studi di Perugia, Università per Stranieri di Perugia, Sodalizio Braccio Fortebraccio, Fondazione per l’Istruzione Agraria e la collaborazione del Museo del Capitolo della Cattedrale di San Lorenzo Perugia, dei Borghi di Perugia (Borgobello, Borgo Rione di Porta Eburnea, Borgo Porta Sant’Angelo, Borgo Porta Santa Susanna e via dei Priori, Borgo Sant’Antonio) e delle Associazioni della città. Per Info  e prenotazioni, il sito è www.luoghiinvisibili.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.