lunedì 22 gennaio 2018 - aggiornato alle ore 18:48        

Mostro di Foligno, il 7 agosto 1993 veniva ucciso Lorenzo Paolucci: 22 anni dopo, l’assassino fuori dal carcere Il padre della vittima ha perdonato Luigi Chiatti, ma il dolore è immutato

Lorenzo-Paolucci

FOLIGNO – Il 7 agosto del 1993 moriva Lorenzo Paolucci, seconda vittima del mostro di Foligno. Lorenzo aveva tredici anni quando è stato seviziato e ucciso da Luigi Chiatti, dopo una partita a carte nella sua villetta di Casale, piccolo paese di montagna a pochi chilometri da Foligno. Dieci mesi prima, nelle campagne folignati, aveva

Gualdo Tadino, a settembre l’approvazione del piano per la riqualificazione del Calai Il sindaco Presciutti rilancia e difende il suo operato, le opposizioni all'attacco per bloccare la demolizione

calai-gualdotadino

GUALDO TADINO – Approderà in giunta regionale a settembre il “Piano complessivo di valorizzazione dell’area dell’ex ospedale Calai”. Parole del sindaco Massimiliano Presciutti, che fa il punto della situazione sull’importante complesso edilizio gualdese, da anni ormai vuoto e abbandonato a se stesso. “Sono passati ormai dieci anni dal primo protocollo d’intesa dell’area Ex Calai, un

Valfabbrica, il sindaco ringrazia le forze dell’ordine dopo il suicidio sventato Salvata la vita di un 58enne dopo l’allarme tempestivo della Di Simone e l’intervento di carabinieri, polizia municipale e vigili del fuoco

VALFABBRICA – Dopo aver sventato il suicidio di un 58enne di Valfabbrica, il sindaco Roberta Di Simone ringrazia tutti coloro che sono intervenuti tempestivamente per evitare una tragedia per il paese. Un uomo aveva infatti tentato di togliersi la vita all’interno del suo appartamento con del gas. Il forte odore aveva insospettito il sindaco, nel

Vigilanza Ast, c’è l’accordo tra la Cesar Group e la Sicuritalia Dopo la mediazione del prefetto, l'azienda subentrante assorbirà 12 vigilantes

Cesar

TERNI – Raggiunto l’accordo sul cambio di appalto della vigilanza all’interno di Ast. La Sicuritalia riassorbirà 12 del 28 lavoratori di Cesar Group. Ieri pomeriggio le due aziende si sono ritrovate in prefettura per un incontro presieduto dal prefetto Gianfelice Bellesini. Dopo una lunga e difficile trattativa, le parti sono giunte ad una soluzione condivisa

Foligno, prima riunione infuocata per il tavolo della movida I commercianti abbandonano la discussione. Spuntano anche proposte e idee come quelle presentate dai giovani

movida

FOLIGNO – Prima riunione e subito acque agitate al tavolo di negoziazione della movida. Si sono visti infatti il sindaco Nando Mismetti, il consultore Lucia Coco, la comandante della Municipale Ottaviani, l’assessore allo Sviluppo economico Giovanni Patriarchi, i rappresentanti dei residenti e quelli dei giovani, di recente nomina in qualità di “frequentatori” della movida. Gli

Terni, Faurecia: lavoratori chiedono ai sindacati di firmare l’accordo L'azienda ha "congelato" i licenziamenti, oggi le assemblee dei dipendenti

faurecia

TERNI – I lavoratori di Faurecia chiedono ai sindacati di firmare l’ipotesi di accordo. Questo quanto è emerso all’esito delle assemblee che si sono svolte oggi. Ieri in tal senso si erano già espressi 140 lavoratori su 220. La decisione è maturata dopo che la direzione aziendale, in seguito alla bocciatura dell’ipotesi di accordo del

Perugia, ragazzo di 25 anni si butta dal settimo piano e muore a Ponte Felcino. Era il figlio di un medico del posto

PERUGIA – Ieri pomeriggio a Ponte Felcino un ragazzo di appena 25 anni è morto dopo che si è buttato dal terrazzo del settimo piano di una palazzina in via Bariletti. Si tratta del figlio di un noto medico del posto molto conosciuto e apprezzato da tutti. Una vera disgrazia che ha sconvolto l’intero quartiere. Sul

Carabiniere ucciso, Armeni davanti ai giudici, giovedì la decisione del Riesame L’ accusa ha spiegato il funzionamento dell'arma che ha sparato, la difesa ha presentato una nuova perizia balistica

Il tribunale del Riesame ha rinviato a giovedì 6 agosto la decisione sulla scarcerazione di Emanuele Armeni, il carabiniere accusato di aver ucciso il collega Emanuele Lucentini, lo scorso 16 maggio, con un colpo partito dalla mitraglietta d’ordinanza al rientro dal turno di notte, nel cortile della caserma di Foligno. L’udienza si è svolta stamattina