Prosegue il lavoro della Sir Safety Conad Perugia

Prosegue il lavoro della Sir Safety Conad Perugia in vista della Del Monte®Coppa Italia Final Four.
Allenamento tecnico oggi pomeriggio al PalaBarton per i Block Devils che poi replicheranno domani sempre a Pian di Massiano con una doppia seduta di lavoro, fisico al mattino e tecnico nel pomeriggio. La mattina di venerdì partenza alla volta di Bologna.
Sta preparando con cura la Final Four coach Grbic con il suo staff. Il tecnico serbo sa bene che gare secche come quelle in arrivo si decidono spesso su pochi palloni e quindi ogni piccolo dettaglio ed ogni minima situazione tattica può avere un peso specifico per l’esito finale.
Sarà quella in arrivo l’ottava Final Four di Coppa Italia per Perugia. Una storia iniziata proprio a Bologna, ma al PalaDozza, nella stagione 2014-2015 con la clamorosa finale raggiunta e persa con Piacenza, proprio quella Piacenza che, seppure con un’altra società alle spalle, sarà l’avversario sabato nella prima semifinale. Da allora due volte fuori in semifinale, nella stagione 2014-2015 per mano di Trento e l’anno successivo contro Modena, poi, dalla stagione 2017-2018, la “storia infinita” con Civitanova con quattro finali consecutive, le prime due vinte e le successive due perse.
Questo lo storico, l’attualità, per quello che riguarda la semifinale di sabato, si chiama come detto Gas Sales Bluenergy Piacenza. La squadra guidata in panchina da Lorenzo Bernardi (che stasera scende in campo per il recupero della prima giornata di ritorno di Superlega a Ravenna) si è guadagnata un posto in Final Four violando nei quarti di finale il PalaPanini di Modena in quattro set. Un cammino finora non eccellente nel girone di ritorno di campionato (2 vittorie e 7 sconfitte nelle 9 gare disputate) non inficia il valore di una squadra completa, con alti valori, dalla panchina lunga e piena di atleti di gran livello tecnico e temperamentale. Per Bologna, Bernardi dovrebbe recuperare anche l’opposto turco Lagumdzija (che era ai box per un problema ad un piede) ed il centrale americano Holt (uscito anzitempo domenica contro Trento per una distorsione alla caviglia) e quindi dovrebbe presentarsi con la rosa al completo. Dal regista e capitano Brizard, francese oro olimpico a Tokio, all’altro francese Rossard, dall’ex Russell, americano per tre anni protagonista al PalaBarton, a Francesco Recine, oro europeo e figlio del ds bianconero Stefano, dal vice opposto Stern, sloveno dal braccio velocissimo, alla spina dorsale italiana Caneschi-Cester-Antonov.Scanferla, Piacenza è un blocco di atleti tutti pericolosissimi ed una squadra forte in ricezione (la migliore della Superlega con il 30,6% di perfetta), forte a muro (13 i vincenti nella sfida di campionato del 23 febbraio al PalaBarton), con tante uscite, tutte diverse tecnicamente, in attacco (in gran forma Russell) e con un regista come Brizard capace di dare velocità ed imprevedibilità al gioco offensivo.