Turismo archeologico, l’Umbria si promuove alla Borsa Mediterranea. A Palazzo Cesaroni si incontrano i siti umbri

PERUGIA – La partecipazione alla Borsa mediterranea del turismo archeologico ci consente di rafforzare ulteriormente l’idea che il ‘cuore verde d’Italia’ è un territorio pieno di preziose testimonianze della nostra storia, capace di aumentare l’offerta turistica”. Lo ha detto il vice presidente della Giunta regionale e assessore al Turismo Fabio Paparelli che ha partecipato a Paestum all’incontro dedicato a “Villa Mosaici di Spello e il Germanico di Amelia: straordinarie testimonianze dell’Umbria romana” organizzato nell’ambito della XXI edizione della Borsa. Presenti i sindaci di Spello e Amelia, Moreno Landrini e Laura Pernazza, e Marcello Barbanera, professore di Archeologia e Storia dell’arte greca e romana all’Università La Sapienza di Roma. L’incontro è stata l’occasione per focalizzare l’attenzione su due tesori di epoca romana che nell’ultimo periodo hanno catturato l’interesse degli studiosi, ma anche dei tanti turisti che si sono recati ad ammirarle: la Villa dei Mosaici di Spello e la statua bronzea di Germanico ad Amelia.

“L’attenzione che negli ultimi anni si pone sul turismo archeologico – ha detto Paparelli – è il frutto di un interesse che contribuisce ad una crescita intelligente e sostenibile del territorio e che trova nel soddisfacimento di un bisogno di conoscenza la giusta motivazione per intraprendere un viaggio il cui obiettivo è quello di approfondire la storia, l’identità, lo stile di vita di un determinato luogo”.

“Il turismo culturale – ha rilevato – in Umbria cresce e suscita interesse. Il segreto, ora, è sviluppare una serie di itinerari che, partendo da questi importanti siti archeologici, si diffondano su tutto il territorio. E i numeri ci danno ragione. La Villa dei Mosaici di Spello ne è piena dimostrazione”.

“Per il suo grande ruolo storico – ha detto Paparelli -, ma anche grazie alla modernità della sua nuova struttura museale, con ricostruzioni degli ambienti 3D e app dedicata, in meno di un anno dalla sua inaugurazione sono state superate le 20 mila presenze”.

“Medesimo interesse – ha proseguito – si registra per la statua del Germanico custodita nel museo archeologico di Amelia, un reperto unico e prezioso su cui si è concentrata l’attenzione di molti studiosi e che da gennaio ha attirato oltre 5 mila visitatori. La presenza dell’Umbria alla Borsa mediterranea del turismo archeologico ha ancora più rilevanza – ha concluso – considerando che il 2019 sarà un anno importante per Amelia che si troverà a celebrare la ricorrenza dei 2000 anni dalla morte del valoroso generale romano, un’occasione di promozione del territorio per un turismo di livello che non possiamo lasciarci sfuggire”.

CONVEGNO –  A Palazzo Cesaroni si incontrano proprio i siti archeologici umbri. Avrà come tema “I siti archeologici in Umbria” il convegno che si svolgerà lunedì 19 novembre, a Perugia, nella Sala Brugnoli di Palazzo Cesaroni, alle ore 10. L’iniziativa è promossa e organizzata dall’Assemblea legislativa dell’Umbria e, come spiega la presidente Donatella PORZI, “si propone di avviare un confronto sulle questioni riguardanti la qualificazione e valorizzazione dei siti e delle aree archeologiche umbre”.

Dopo gli interventi di saluto della presidente PORZI e dell’assessore regionale alla cultura, Fernanda CECCHINI, il programma prevede gli interventi di: Marica MERCALLI, direttore Soprintendenza archeologia, belle arti e paesaggio dell’Umbria; Antonella PINNA, dirigente Servizio Musei archivi e biblioteche della Regione Umbria; Simon STODDART, professore Università di Cambridge; Vincent GUICHARD, direttore responsabile del Parco archeologico e paesaggistico di Bibracte. Concluderà i lavori la presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>