Alloggi Ers e terremoto: “Non si sospenda la presentazione delle domande”

TERNI – Richiesta tramite un atto d’indirizzo, la revoca della sospensione della presentazione delle domande per accedere all’edilizia residenziale sociale. La sospensione del bando è stata disposta nei giorni scorsi dalla Regione dell’Umbria in seguito alle problematiche derivanti dal terremoto.
Con l’atto che è stato presentato da Michele Pennoni (Pd) e votato dai gruppi consiliari di maggioranza, s’impegnano il sindaco e la giunta “a chiedere alla Regione, fatto salvo quanto previsto dalla delibera 1310 circa la sospensione delle assegnazioni, di farsi parte attiva per riaprire immediatamente la possibilità di presentazione delle domande, ormai quasi al termine, per dare modo a tutti i cittadini che ne necessitino di effettuare regolare richiesta, così come previsto dalla legge regionale in materia di assegnazione alloggi”.

pennoni michele
Michele Pennoni (Pd)

“Si tratta – spiega Pennoni – di un atto che si rende assolutamente necessario per far chiarezza a livello burocratico e nella direzione dell’equità di trattamento di tutti i cittadini”.
“Premesso e sottolineato che tutte le misure in favore delle popolazioni dell’area del terremoto sono preminenti, quello che appare illogico, con il rischio di creare confusione tra i cittadini e negli stessi uffici è la sospensione della ricezione delle domande, i cui termini peraltro sarebbero scaduti a breve”.
“Infatti – continua Pennoni – la semplice presentazione delle domande non avrebbe portato alcun intralcio alla gestione dell’emergenza abitativa conseguente al terremoto, ma rischia solo di creare confusione e difetti d’informazione e mettere a rischio l’equità di trattamento dei cittadini interessati, che si trovano in fasce deboli”.
Michele Pennoni ha anche espresso la propria soddisfazione per la sensibilità dimostrata dalla maggioranza consiliare di Palazzo Spada su questo tema che è stato immediatamente fatto proprio dal consiglio comunale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.