Foligno, inaugurata “Misericordiae opere”, mostra d’arte sacra contemporanea che “risveglia le coscienze” e “cura il cuore”

FOLIGNO – Inaugurata, sabato a Foligno, la mostra “Misericordiae Opere, il sacro nell’arte contemporanea”, organizzata dalla Diocesi nell’anno del Giubileo della Misericordia e visitabile fino al 20 novembre. Si tratta di un evento di eccezionale, nato con l’obiettivo di “utilizzare la bellezza per muovere il cuore”, che vede 70 artisti di fama nazionale e internazionale esporre 85 opere dedicate al rapporto tra arte e spiritualità. A tagliare il nastro, il vescovo di Foligno, mons. Gualtiero Sigismondi, il vice sindaco della città, Rita Barbetti, l’assessore regionale Luca Barberini.
“Arte e cultura – ha detto mons. Sigismondi – non possono essere estranee alla cultura della Chiesa di uscire verso la società. L’arte è un canale privilegiato per tradurre il vangelo della misericordia e c’è una realazione stretta tra arte e fede, un legame inscindibile tra verità e bellezza. Questa mostra è un modo per riscoprire le opere di misericordia e risvegliare le coscienze”.
L’assessore Barberini ha commentato l’evento attraverso il suo profilo Facebook: “In questo momento difficile, eventi del genere fra arte, cultura, bellezza e spiritualità ‘curano’ il cuore, generano speranza e hanno il merito di valorizzare il patrimonio culturale dell’Umbria”.
Gli artisti invitati sono provenienti da varie regioni italiane, da diverse nazioni e dal territorio umbro. Tra questi compaiono i nomi di alcuni grandi maestri del Novecento: Afro, Burri, Capogrossi, Colla, Congdon, Leoncillo, Scheggi e di affermati artisti di rilievo nazionale e internazionale quali Cattani, Ceccobelli, Cevallos, Colombara, Di Stasio, Galliani, Giuman, Judge, Lucchesi, Oman, Paladino, Reggioli, Ryan, Tisato, Teodori, Troiani, Valentini, Venanti.
Particolare attenzione è stata dedicata ai giovani talenti, (artisti sotto i 25 anni) che grazie alla collaborazione con la storica Accademia di Belle Arti “P.Vannucci” di Perugia
saranno presenti in dodici, con opere pittoriche, scultoree e ambientali.
Le opere sono esposte in diverse location, dal museo diocesano alla cripta di San Feliciano, fino alla chiesa di San Paolo Apostolo, meglio nota come cubo di Fuksas e già di per sé uno straordinario esempio di arte sacra contemporanea.
La mostra è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 12.30 e dalle 15.30 alle 19.30 Durante il periodo di apertura dell’esposizione sono stati inoltre programmati una serie di incontri, conferenze, performance e concerti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.