Foligno, Quintana, ecco i palii del settantennale Due opere moderne di Fato e Samorì: piaceranno a Sgarbi?

FOLIGNO – Sono stati svelati i palii del settantennale della Giostra della Quintana di Foligno. La sera del primo giugno, sul palco allestito in largo Carducci, sono stati presentati al pubblico. I due ambiti drappi sono stati realizzati da Matteo Fato e Nicola Samorì, due giovani artisti molto affermati nel campo dell’arte contemporanea, scelti dalla speciale commissione composta da Stefano Trabalza, presidente della Commissione Artistica dell’Ente, Pierluigi Metelli, esperto di arte contemporanea, e Marta Silvi, critica e storica dell’arte.
Il rione che vincerà la Giostra della sfida si aggiudicherà il palio intitolato “Natura morta con (Li Giochi)”, realizzato da Matteo Fato, mentre quello che vincerà la Quintana di settembre avrà il drappo realizzato da Nicola Samorì, intitolato “Ostinazione del nodo”.
Entrambe le opere sono molto particolari e chissà se piaceranno a Vittorio Sgarbi, che giusto un paio di giorni fa, aprendo l’edizione 2016 della Quintana con un convegno a palazzo Trinci, aveva stroncato i palii moderni, la maggior parte dei quali ritenuti “bamboleggianti”, affermando che “Dal ’46 al 1980 c’è stato rispetto del tema della manifestazione, poi i vari artisti hanno approfittato della Quintana per far veder il loro stile”.
Intanto il 5 giugno prossimo, alle 21 al Campo de li Giochi, ci saranno le prove ufficiali con i dieci binomi che testeranno la nuova innovativa pista in vista della Giostra del 18 settembre.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>