Foligno, indagini in corso tra Francia e Italia sul Bambinello del XII secolo rubato trent’anni fa

FOLIGNO – Saranno i carabinieri del Nucleo tutela del patrimonio culturale di Firenze a indagare sul ritrovamento, ieri a Parigi, del prezioso Bambinello rubato trent’anni fa a Foligno, nella chiesa di Santa Maria Infraportas (nella foto la statua della Madonna, dalla quale è stato asportato il Gesù bambino ritrovato: all’altezza delle ginocchia, si vede chiaramente il danno arrecato), in piazza San Domenico. Al momento le indagini non sono state ufficialmente avviate, dato che il rinvenimento non è stato ancora formalizzato in attesa dell’esito delle verifiche in corso in Francia. La straordinaria scoperta è stata fatta in una casa d’asta della capitale francese, dove l’opera, datata tra l’XI e il XII secolo, è stata riconosciuta da un esperto d’arte che ha segnalato il caso alle autorità del luogo, dopo essersi confrontato con Giordana Benazzi soprintendente per il patrimonio storico-artistico dell’Umbria. Grazie a tale segnalazione, la statua, in legno policromo, non è stata venduta all’aggiudicatario ma è rimasta all’interno della casa d’asta, dove ora verranno effettuati tutti gli accertamenti del caso.

Dell’eccezionale ritrovamento è stata subito informata la Diocesi di Foligno e allertata la locale compagnia dei carabinieri, che svolgerà tutte le indagini necessarie per riportare il Bambinello in città.

“Si tratta di una notizia straordinaria – commenta mons. Paolo Aquilini, vicario episcopale e parroco della chiesa di Santa Maria Infraportas – che va ancora verificata per avere certezza definitiva circa il ritrovamento effettuato e avviare l’iter burocratico necessario per riportarlo a Foligno. Quel Bambinello era stato trafugato negli anni Ottanta, nella cappella dell’Assunta, dalle braccia della statua della Madonna che oggi è custodita all’interno del Museo diocesano. Esprimo grande soddisfazione per questo fatto eccezionale, auspicando di poter rivedere al più presto l’opera. Se riusciremo a riportarla ‘a casa’, la esporremo insieme alla tavoletta del tabernacolo della chiesa di Santa Maria di Giacobbe a Pale, recuperata qualche tempo fa in Brasile, anche in questo caso in maniera fortuita”.

Un pensiero riguardo “Foligno, indagini in corso tra Francia e Italia sul Bambinello del XII secolo rubato trent’anni fa

  • Feb 17, 2015 in 16:59
    Permalink

    Perché oltre al bambinello ed alla pala del Santuario Di Santa Maria Giacobbi non riportare a Foligno o per meglio dire riportare al proprio posto anche la Madonna di Belfiore custodita a Spoleto, e rimetterla al suo posto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.