Gubbio, il Pd contro Stirati: “Rifletta su quanto sta accadendo in città” Duro attacco del gruppo consiliare formato da Venerucci, Barilari e Cardile

GUBBIO – Si dicono “rammaricati” i consiglieri del Partito democratico Virna Venerucci, Luca Barilari e Marco Cardile, in seguito alle dimissioni dell’assessore Lorenzo Rughi, “figura di punta dell’amministrazione, con importanti deleghe”.

“Le dimissioni – dicono – sono avvenute per motivi personali e ne rispettiamo la riservatezza, ma da politici non possiamo che fare una riflessione su quello che è successo. Le dimissioni di Rughi contribuiscono a minare la stabilità e la coesione di questa maggioranza e della giunta stessa. Poco più di un mese fa la stessa lista dell’assessore Rughi aveva mandato al Sindaco Stirati una lettera durissima, in cui si chiedevano una serie di chiarimenti o l’eventualità di abbandonare questa esperienza amministrativa. Sicuramente una coincidenza, ma non possiamo far passare tutto come nulla fosse”.

I rappresentanti del Pd a Palazzo Pretorio si concentrano anche sulle scelte dell’amministrazione in questi ultimi mesi, riguardo al turismo, eventi e manifestazioni: “introduzione della tassa di soggiorno su cui il PD si è fortemente battuto per evitarne l’applicazione. Il flop della consulta del turismo che sembra solo un luogo di “distribuzione incarichi”. Lo spostamento di data della storica Fiera del Tartufo, e la modalità scelta per la sua realizzazione ha purtroppo segnato un altro clamoroso flop. La manifestazione del Quinto Quarto, kermesse gastronomica dedicata ai tagli poveri, data decisa all’ultimo momento senza un piano di promozione eventi, ed anch’essa è risultata deserta. Naturalmente tutto questo ha comportato un elevato esborso economico per le casse della nostra città. Dopo un anno e mezzo di amministrazione, chiediamo al Sindaco ed a tutta la maggioranza una riflessione politica ed una analisi oggettiva su quanto sta accadendo in questa città e sul frutto della loro azione di governo”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>