mercoledì 22 novembre 2017 - aggiornato alle ore 19:13        

Il digitale aiuterà a promuovere l’arte in Umbria Il ministero dei Beni culturali, seguendo le nuove tendenze, ricorre al web Magazine on-line per far conoscere i beni culturali locali

museo-archeologico perugia

PERUGIA – Da oggi la promozione delle bellezze artistiche dell’Umbria passa anche attraverso la rete con un nuovo progetto digitale che permetterà di far conoscere i siti culturali riferibili al Mibact per mezzo di un web magazine. L’iniziativa nasce dalla sentita esigenza di allargare a un pubblico sempre più vasto l’arte del Cuore Verde d’Italia, tramite una rivista online, che permetterà di far fronte da un lato a quel vuoto avvertito dal pubblico, e dall’altro alla necessità di dare maggiore impulso e visibilità a quell’immenso patrimonio artistico umbro spesso ignoto ai più. E che invece andrebbe promosso su larga scala in quanto rappresenta l’eredità culturale dell’Umbria. Questo nuovo strumento culturale verrà sostenuto anche grazie al contributo della Fondazione Brunelle e Federica Cucinelli. La rivista online (disponibile si www.notedarteumbria.beniculturali.it), diretta da Marco Saloni e realizzata da Francesco Leonardi Fabbri, consentirà di allargare il pubblico sia a livello nazionale che internazionale con un’importante offerta di otto musei da visitare tra i quali il Polo museale dell’Umbria (i tre musei archeologici nazionali di Perugia, Spoleto ed Orvieto, il Museo Nazionale del Ducato di Spoleto-Rocca Albornoziana, Palazzo Ducale di Gubbio, Tempietto sul Clitunno, Villa del Colle del Cardinale e Castello Bufalini), La Galleria Nazionale dell’Umbria e gli Archivi di Stato dove sono custoditi documenti storici di valore inestimabile. Un’idea quindi che, sfruttando le innovazioni tecnologiche, permetterà di valorizzare il patrimonio artistico locale, avvalendosi delle enormi possibilità comunicative della rete puntando su mostre, iniziative varie, recensioni, approfondimenti e tutto ciò che ruota intorno al panorama culturale umbro.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta