Iniziate le riprese del Film “1991” per rilanciare la città di Perugia

PERUGIA – Questi giorni il capoluogo umbro è sotto i riflettori. Telecamere e troupe cinematografiche sono già al lavoro per girare il nuovo film “1991” ambientato a Perugia. Sono iniziate proprio in questi giorni le prime riprese sul 4° binario ferroviario della stazione Fontivegge da parte della troupe dell’Urania Pictures per poi proseguire nella zona del centro storico. Una volta terminate le scene alla stazione, si traslocherà con tutti gli addetti ai lavori nella zona di Piazza Grimana, per poi completare i lavori di ripresa nell’acropoli entro la fine del mese. E dopo la recente fiction realizzata sulla vita di Luisa Spagnoli, che ha permesso al grande pubblico di conoscere in modo più dettagliato alcuni aspetti culturali e architettonici di Perugia, ora il capoluogo torna di nuovo alla ribalta con un film che indubbiamente avrà una vasta diffusione in particolar modo in America, permettendo di veicolare il fascino e le bellezze dell’Umbria. Di questo film sono cominciate a girare voci all’inizio dell’estate quando fu pubblicizzata la selezione di 200 giovani comparse di tutte le nazionalità per poter entrare a far parte del cast. Il film rappresenta il terzo capitolo di una trilogia del regista canadese, di origini italiane, Ricardo Trogi che dopo un’esperienza di studi all’Università per Stranieri, si è letteralmente innamorato di Perugia e da lì ha serbato il sogno di realizzare qualcosa che gli ricordasse quel periodo così significativo per la sua crescita sia personale che formativa, tutta rinchiusa e concentrata in un bagaglio di ricordi e di memorie della sua giovinezza. La trama della storia, che ha una forte componente autobiografica, costituisce l’ultima parte del trittico dei lungometraggi «1981» e «1987», incentrati sull’adolescenza in Canada del protagonista. In questa ultima rappresentazione cinematografica, Trogi parla di un viaggio alla scoperta delle sue origine italiane. Lo studente che dal Québec arriva a Perugia con il pretesto di recarsi a studiare in Italia, per approfondire la conoscenza della lingua e cultura italiana, in realtà celava la sua vera intenzione: la ricerca di un amore segreto. Un sentimento che provava per la collega di università, Marie-Eve. Durante questo lungo viaggio in Italia, Riccardo incontra Arturo, un coetaneo croato che girava l’Europa con zaino e chitarra. I due diventano amici e vivono insieme esperienze memorabili. Ma tra un’avventura e un’altra, nel sottofondo emergeva sempre con un’enfasi ricorrente, la continua ricerca delle sue origini italiane. E così anche Arturo diviene il testimone di questo viaggio di Riccardo assumendo anche lui il ruolo di protagonista all’interno del film. Sicuramente un’ottima occasione per promuovere Perugia, una vetrina internazionale per far conoscere luoghi e bellezze del capoluogo umbro. Anche l’assessore allo sviluppo economico e marketing territoriale del Comune di Perugia, Michele Fioroni esprime compiacimento per questo film, sostenendo che «’1991′ mostrerà la bellezza di Perugia a tutto il pubblico nordamericano. Per noi si tratta di un’occasione ghiotta che potrebbe avere ottime ripercussioni su un incoming a vasto raggio, come certe operazioni insegnano».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.