Lavori pubblici al via per ridare nuova linfa alla città di Terni Tra i vari cantieri che verranno aperti per restauri, riqualificazione, gestione integrata del verde pubblico e decoro urbano, verrà rifatto anche il teatro Verdi

TERNI – La città di Terni si appresta a rifarsi un lifting. Nel corso di una conferenza stampa organizzata dall’assessore ai Lavori pubblici Sandro Corradi in cui era presenta anche il sindaco Leopoldo Di Girolamo per fare il punto sui cantieri aperti in città, sono stati elencati i lavori pubblici che verranno attivati entro il 2018. La novità più grande è la ristrutturazione del teatro Verdi. Come sostiene l’assessore: «Per il teatro Verdi inizia un nuovo percorso: l’amministrazione ha valutato non accettabile il rapporto tra costi e benefici del progetto posto in essere in precedenza. È prevista, pertanto, la revoca dell’affidamento sulla base di motivazioni che attengono alla sicurezza sismica». E aggiunge: «Questo consentirà di contenere i costi riducendoli da 12/13 milioni a 6/7. Seguirà a settembre l’avvio del percorso condiviso per il concorso di progettazione internazionale, che prevede l’istituzione di una commissione valutatrice formata da professionisti di assoluto spessore». E per quanto riguarda le tempistiche Corradi garantisce che «entro il 2018 l’inizio dei lavori che porteranno alla realizzazione di un nuovo teatro Verdi con la massima sicurezza sismica e il massimo comfort acustico e ambientale». I lavori riguarderanno l’intera struttura di cui una parte, ad esclusione del pronao, sarà demolita e ricostruita. Ma il rifacimento del teatro non è l’unico intervento che verrà realizzato. Per quanto riguarda la fontana di piazza Tacito Corradi ha spiegato che «è stata superata la fase di stallo con l’elaborazione del progetto definitivo, la deliberazione del bando per la progettazione esecutiva, che dovrà essere ultimata entro dicembre 2017, per dare il via ai lavori nella seconda metà del 2018». Su questo fronte verrà coinvolta la Tk-Ast per la musealizzazione di parte dei mosaici che decorano la fontana. Altra novità riguarda il progetto per il ponte sulla Marattana. «È stato raggiunto un accordo tra l’amministrazione, l’impresa esecutrice dei lavori e l’Anas per aprire l’intero tracciato utilizzando il ponte esistente – afferma l’assessore – e i lavori saranno conclusi a ottobre e successivamente, con i risparmi ottenuti, si procederà a bandire la gara per il nuovo viadotto». Un altro intervento verrà realizzato sulla passerella della stazione. «Di fatto i lavori sono terminati con il posizionamento degli ultimi manufatti, l’apertura avverrà ad ottobre, una volta stipulati i contratti di gestione degli ascensori e della videosorveglianza». Per ciò che attiene alla manutenzione del verde urbano «la giunta ha approvato il progetto per la gestione integrata del verde pubblico e del decoro urbano, prevedendo per l’appalto del servizio una gara europea con clausola sociale che verrà bandita entro agosto». Il costo complessivo dell’operazione ammonta a1,5 milioni di euro per il bando di 2 anni con l’opzione anche ed eventualmente per il terzo anno. Per quanto attiene al completamento dei lavori su Santa Maria Maddalena e il rilascio delle agibilità, l’assessore spiega che «mancano alcune piccole opere di adeguamento sulle reti a carico delle imprese costruttrici, per le quali è già stato approvato il progetto». Inoltre «esiste già l’accordo tra l’amministrazione e il Sii per la presa in carico delle reti, immediatamente dopo il completamento delle opere l’amministrazione procederà alle verifiche e al rilascio delle agibilità». Ma non solo il centro è interessato a questa fase di riqualificazione urbana perché ci sarà spazio anche per le periferie e più in particolare la zona di via Curio Dentato, comprendendo la parte est della città da viale Brin alla stazione. A settembre dovrebbe essere siglata la convenzione con la presidenza del Consiglio dei Ministri e per dicembre è calendarizzata la presentazione del progetto esecutivo, per un ammontare complessivo di 13,8 milioni di euro, di cui 10,5 di finanziamento statale e la parte restante di cofinanziamenti privati. Anche il Palasport polifunzionale subirà dei lavori di ristrutturazione. Entro il 4 ottobre 2017  si potranno inviare proposte tecniche ed economiche e tra dicembre e gennai o2018 verranno affidati i lavori. Ma non è ancora tutto. Altri saranno i progetti che verranno elaborati e quindi realizzati.  Tra questi spicca il bando di sponsorizzazione delle scuole e gli appalti per il Piano scuole, il bando per la gestione del Parco sensoriale e il nuovo impianto polisportivo per l’istituto Leonino.

Su questo fronte interviene anche il sindaco Di Girolamo che afferma che “la città è attiva e in movimento». L’assessore poi continua: «Quello dei lavori pubblici è un settore chiave dell’azione amministrativa per la particolare tipologia delle opere su cui interviene, per le risorse finanziarie che movimenta e per il fatto che gli interventi insistono su elementi di progettazione ed esecuzione di natura diversa. La programmazione deve tener conto delle esigenze della città, della ottimizzazione delle risorse e deve realizzarsi insieme a un attento controllo nelle fasi gestionali. Molto è stato fatto e molto c’è ancora da fare per proseguire nella direzione intrapresa dalla amministrazione portando avanti quei progetti strategici per la città che fungono da basi infrastrutturali e logistiche ai servizi che la stessa può offrire. Vorrei sottolineare che, sebbene ci troviamo in un momento profondamente complesso, continuiamo a lavorare perché la nostra idea di città si realizzi, consapevoli che ciò può accadere solo attraverso il patto sociale con la collettività, patto che intendiamo onorare e rilanciare. Non è nostra intenzione negare o minimizzare le criticità che esistono e che abbiamo ben presenti, a cominciare dalla situazione di Cardeto, ma ci adoperiamo con il massimo impegno per risolverle. Lo sblocco del progetto della fontana di piazza Tacito è emblematico del nostro modo di gestire le problematiche, non fermandoci di fronte alle difficoltà, ma continuando a lavorare per trovare soluzioni».

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>