Palazzo Spada, il prefetto invia la lettera di dissesto: venti giorni per approvarla. Consiglio bloccato, l’opposizione occupa: è bagarre [VIDEO]

TERNI – Scatta il conto alla rovescia per il consiglio comunale che dovrà sancire definitivamente il dissesto finanziario del Comune di Terni. Lunedì 29 gennaio infatti la Corte dei Conti a sezioni riunite ha formalmente comunicato di aver rigettato il ricorso, presentato a suo tempo dal Comune di Terni, avverso la deliberazione della Sezione regionale di controllo della stessa Corte di diniego dell’approvazione del Piano di riequilibrio finanziario.

Il Prefetto di Terni, Paolo De Biagi, ha conseguentemente invitato il Consiglio comunale di Terni ad adottare la deliberazione di “formale dichiarazione di dissesto finanziario” entro il termine di venti giorni decorrenti dalla data di notifica ai singoli consiglieri.

Nel frattempo in Comune la situazione è stata incandescente, con il consiglio comunale riunito. Le opposizioni, con il M5S, Ernico Melasecche, Paolo Crescimbeni, Marco Cecconi e Ferranti hanno occupato l’aula. Decisione arrivata dopo che la maggioranza ha votato la chiusura anticipata della seduta e l’annullamento della convocazione di domani e dopodomani. In aula giusto il tempo della surroga dopo le dimissioni di Andrea Zingarelli, del Partito Democratico. Entra l’ex Ds Giuliano Rossi.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.