Prefettura di Terni: “Il sistema prevenzione funziona”. Meno furti in abitazione e rapine. Boom di patenti ritirate nel 2016 Chiusura di bilancio per prefettura e questura. 620 richiedenti asilo ospitati nella provincia

TERNI – Un anno certamente non facile per il perdurare della crisi economica, che nella nostra città ha affondato ormai le sue radici. Eppure dalla prefettura c’è stata sempre una risposta pronta e concreta per far sentire il cittadino più sicuro, in un periodo in cui le sicurezze mancano.

Accanto al Prefetto, Angela Pagliuca, siede il questore di Terni, Carmine Belfiore. Insieme, hanno portato avanti progetti ed azioni per arginare problemi sempre più grandi: dalla povertà all’immigrazione, dagli eventi sismici che hanno colpito la nostra terra, alle operazioni di prevenzione generale e di garanzia dell’ordine e della sicurezza pubblica.
Un dispiegamento di forze dell’ordine, “gli angeli custodi della città”, che grazie al loro lavoro, hanno fatto sì che a fine anno, i cittadini extracomunitari espulsi fossero 197, gli allontanamenti 25. Larga attenzione anche al Codice della Strada, con 1.118 assegni senza provvista e senza autorizzazione scovati, 2.935 ricorsi amministrativi per violazioni al C.d.S., 501 sequestri e fermi di autoveicoli, 498 le patenti sospese e 16 quelle revocate.

I furti sono passati da 3.600 a 3.100 (-16%). Un dato che fa ben sperare riguarda le incursioni dei ladri in casa: da 436 casi a 205 (-53%). Unico fenomeno in aumento è il furto di ciclomotori, con 38 casi di denunce.

Attenzione alla problematica dei migranti. I richiedenti asilo ospitati nella provincia sono stati 620 di cui 591 maschi e 29 femmine, ospitati in 81 strutture di accoglienza, distribuite in 16 Comuni.
I richiedenti asilo sono prevalentemente nigeriani (28%), gambiani (14%), senegalesi (12%).Dalla Prefettura anche protocolli ed accordi di intesa su diversi fronti: “Prevenzione della criminalità in banca”; “Protocollo di legalità con Acciai Speciali Terni”; “La legalità come elemento di sviluppo e crescita sociale ed economica”; “Attività di volontariato svolta dai migranti”.Grande lavoro anche per prevenire la diffusione ed il consumo di sostanze stupefacenti. In totale sono state 204 le segnalazioni alla prefettura per uso personale di droga. Di queste, 161 per detenzione di sostanze “leggere” (hashish e marijuana), 43 per detenzione di sostanze pesanti.Più italiani che stranieri i segnalati: 168 italiani, 36 gli stranieri, di cui 189 maschi e 15 femmine.

Il Prefetto ha ricordato i diversi tavoli di coordinamento istituiti in Prefettura per la prevenzione delle truffe di natura finanziaria agli anziani, per la promozione della cultura della sicurezza nelle scuole, per la sicurezza stradale, per la prevenzione dei furti, rapine e atti vandalici agli autotrasportatori, per la sicurezza delle manifestazioni calcistiche.
Il Prefetto ha anche evidenziato la particolare attenzione dedicata all’ambiente, in particolare al trasporto abusivo, abbandono e smaltimento illecito di rifiuti, nonché all’applicazione del regime sanzionatorio per le violazioni delle norme a presidio della sicurezza stradale ed in conseguenza degli illeciti depenalizzati.
Ha poi rivolto un ringraziamento particolare alle Forze di Polizia, cui si deve un’indiscutibile complessiva situazione di tranquillità sociale, dimostrata anche dal significativo decremento della delittuosità rispetto al passato.

Ha sottolineato la preziosa ed insostituibile attività della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e del Corpo Forestale dello Stato, e soprattutto dei Vigili del Fuoco per l’instancabile attività che, ora più che mai, sono chiamati a svolgere.
Nel corso della conferenza, il Questore, dott. Carmine Belfiore, ha illustrato i dati statistici relativi ai delitti consumati in città e in provincia nel corso del 2016 ed i risultati dell’attività di contrasto svolta dalle Forze di Polizia.
Il Questore ha evidenziato che i dati indicano un trend positivo, con una diminuzione complessiva dei reati, soprattutto di quelli predatori, che destano maggiore allarme nella popolazione. Di converso, sono aumentati gli arresti e i sequestri di stupefacenti.
Si tratta di indicatori che confermano l’ottimo lavoro svolto in provincia dalle Forze di Polizia, improntato ad un elevato livello di coordinamento e di scambio informativo, in stretta sintonia con la magistratura ternana, la cui vicinanza è stata importante per il conseguimento di risultati così significativi.
Il Prefetto Pagliuca ha, poi, ringraziato i direttori e gli operatori degli organi di informazione per il ruolo essenziale che sono chiamati a svolgere e per aver consentito la divulgazione di messaggi e informazioni, facendo sentire le istituzioni più vicine ai cittadini, ed ha concluso ringraziando il personale della Prefettura per l’impegno profuso nel loro lavoro.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>