Quintana, petizione on line per la candidatura Unesco. Le città gemellate con Foligno stanno con la Giostra: sostegno da Friuli, Belgio e Giappone

FOLIGNO – È partita oggi la petizione on line per sostenere la candidatura della Quintana a patrimonio immateriale Unesco. La raccolta firme avviene attraverso il sito www.change.org, una piattaforma che coinvolge quasi 100 milioni di persone nel mondo. Appoggiare la Giostra folignate è semplice, basta compilare alcuni campi ed eventualmente lasciare un commento. La petizione è sottoscrivibile fino al 26 marzo prossimo, poiché il 30 marzo l’Ente Giostra dovrà consegnare tutta la documentazione alla sede Unesco di Parigi per l’esito finale del “concorso”. In poche ore, sono state raccolte diverse adesioni di cittadini e quintanari, l’obiettivo è conquistare più consenso possibile, soprattutto al livello nazionale, per raggiungere l’ambito riconoscimento. Tra i primi firmatari, il consigliere regionale del Pd Luca Barberini che ha promosso la petizione anche attraverso i social network, lanciando una sorta di appello alla sottoscrizione perché “la Quintana rappresenta una delle espressioni più belle dell’identità folignate dell’identità folignate e rappresenta una manifestazione storica e culturale straordinaria, in grado di promuovere l’immagine di Foligno e dell’Umbria nel mondo”.

“Questa petizione – si legge nella descrizione della manifestazione sul sito www.change.org – è rivolta ai tanti italiani e non italiani che amano la storia di questo paese, le sue tradizioni che lo rendono unico ed irripetibile. Occorre ottenere per la Giostra della Quintana il riconoscimento UNESCO. Esaltiamo quanto di più importante possiamo presentare al mondo per il rilancio delle nostre tradizioni come elemento primo per l’economia del paese”.

Intanto anche tutte le città gemellate con Foligno – Gemona, Shibukawa (Giappone) e La Louvière (Belgio) – sostengono la candidatura della Giostra della Quintana a Patrimonio dell’Umanità. Su invito del sindaco di Foligno, Nando Mismetti, il primo cittadino di Gemona del Friuli, Paolo Urbani, il sindaco di Shibukawa, Akutsu Sadaji, e quello di La Louvière (Belgio), Jacques Gobert, hanno dichiarato di aderire al progetto di valorizzazione della grande Festa di Foligno. Le tre città, dunque, partecipano attivamente al processo di realizzazione della candidatura a Patrimonio dell’Umanità e sostengono con convinzione tutte le azioni necessarie alla salvaguardia condivisa della Giostra della Quintana e alla sua promozione, in Italia e nel mondo, per favorire nuovi scambi culturali. Gli attestati giunti dal nord Italia ed Europa e dal Sol Levante qualificano ancora di più la corsa verso il prestigioso riconoscimento. “Ringrazio di cuore i sindaci delle città gemellate con Foligno – ha dichiarato il Presidente dell’Ente, Domenico Metelli – il loro qualificato sostegno al nostro progetto ci riempie d’orgoglio. Tutti sono stati nostri ospiti ed hanno conosciuto da vicino il valore culturale ed etnoantropologico della nostra manifestazione. Grazie di cuore per la qualificata azione di condivisione del nostro importante percorso”.

Ora i cittadini di tutte le città gemellate con Foligno potranno anche sottoscrivere la petizione in favore della Quintana che è stata lanciata proprio ieri sulla piattaforma internazionale www.change.org.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.