Regionali 2015, Pd con un occhio all’assemblea regionale e l’altro al gioco delle coppie. Spuntano anche i “triangoli”

Grande fermento nel Pd a 24 ore dall’assemblea regionale di domani che licenzierà la lista dei candidati alle Regionali 2015. Sarà un week-end politicamente caldo per il Partito democratico che oggi alle 17 a Bastia Umbra, presso il centro fieristico, vedrà la presentazione ufficiale della candidatura di Catiuscia Marini a presidente della Regione (con tanto di diretta streaming), mentre domani alle 10 all’Hotel Giò sarà chiamato a tirare la somma sulla lista.

Alla vigilia dei due appuntamenti c’è grande fibrillazione da parte dei candidati in pectore e di quelli che ancora sperano. In queste ore, infatti, si susseguono gli incontri in tutta la regione: dall’Alta valle del Tevere, passando per il Perugino, Folignate fino ad arrivare al Ternano. Con essi, si scatena il gossip politico mai come in queste ore particolarmente effervescente.

La Marini si barcamena tra Marinelli e Fancelli. Riommi viene visto insieme a Mignini mentre Bottini fa coppia con Locchi. A “scombinare” il singolare gioco delle coppie, si inseriscono i “triangoli”. Nel Ternano “tira” il trio Brega – Di Girolamo – Rossi, nel Folignate Barberini fa gli occhi dolci a Mismetti ed Epifani, nella sinistra perugina Bottini rimescola le carte con Locchi e Mignini. Nelle file dei renziani Leonelli va tris con Burico e Dorillo. Quest’ultima designata candidata dal lago.

Nell’Alta valle del Tevere Mariotti cerca la coppia con la Cecchini. Guasticchi prova a inserirsi ma imperversa Chiacchieroni che da Costacciaro muove le truppe verso nord.

Nell’Eugubino Andrea Smacchi fa appello all’eugubinità e sotto lo slogan “Facciamo squadra”, strizza l’occhio a Gualdo Tadino.

Donatella Porzi aspetta il via, ma nel frattempo si porta avanti con il lavoro e bussa a tutte le porte: da Città della Pieve a Spoleto passando, all’alba a Bevagna e ricordando a tutti che tra due mesi si vota, e al tramonto a Bettona sollecitando i cittadini a ricordarsi di lei.

Chiacchieroni impazza da Calvi dell’Umbria a San Giustino mentre a Spoleto cresce l’inquietudine per la candidatura di Cintioli che si allontana e si cerca la convergenza su una donna possibilmente giovane. Zampa si agita.

Galanello, quatto quatto, dall’Orvietano sconfina cercando di accaparrarsi la simpatia cigiellina dei ternani ma rischia di impattare contro il richiamo della foresta lanciato dal segretario Bravi ai suoi: “Tutti per Mario, Mario per tutti”.

Brega, in attesa della deroga, batte sulla spalla di tutti: “Voleteme bene domenica ma ricordateve del povero Brega anche dopo”.

Barberini carica “lu centro de lu munno” al grido “ora o mai più”. Solinas agli specializzandi e ai medici di base ricorda che “di politica non ci capisce molto” ma in fatto di gastroenterologia e di come si effettuano certe “manovre” può fare scuola e soprattutto, dopo tanti anni trascorsi in piazzale Europa, conosce molto bene le dinamiche dell’Ue.

Leonelli intanto conia lo slogan elettorale: “Sono giovane, sono bello, mi chiamo Giacomo e dammi sto votarello”.

Se queste sono le premesse, c’è da scommettere che quando la campagna elettorale entrerà nel vivo, da qui a qualche giorno, non ci sarà di che annoiarsi e intanto si attende l’esito dell’assemblea di domani.

 

Un pensiero riguardo “Regionali 2015, Pd con un occhio all’assemblea regionale e l’altro al gioco delle coppie. Spuntano anche i “triangoli”

  • Apr 11, 2015 in 20:38
    Permalink

    una lista impresentabile

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.