Sangemini Acque: preoccupazione per il ridimensionamento

SAN GEMINI – Luci e ombre sullo stabilimento Sangemini Acque. Lo spettro di una ristrutturazione aziendale quindi di un ridimensionamento sembra reale.

Dopo i timori già espressi da Flai Cgil, Fai Cisl e Uila Uil di Terni, ora anche la segreteria provinciale dell’Ugl interviene sulla questione dell’azienda. Con alcuni lavoratori la sigla, guidata a livello territoriale da Daniele Francescangeli, ha avuto un incontro in cui è stato evidenziato «uno stato di grossa preoccupazione in merito ad un eventuale nuovo piano di ristrutturazione che prevedrebbe un taglio del personale presente in azienda».

Per questo la Ugl Terni come già fatto nel 2014, ribadisce il pieno appoggio politico e sindacale a tutti i lavoratori e alle Rsu di fabbrica. Nella vicenda entra anche il meetup 5 stelle di San Gemini chiede invece al sindaco di Terni Leonardo Latini «di farsi carico di questa situazione a sostegno dei lavoratori del sito produttivo di San Gemini e a tutela del suo territorio».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.