Spoleto, folla per l’ultimo saluto al sindaco Cardarelli. Boccardo: “Grazie per quello che hai fatto e che sei stato per noi” Istituzioni, cittadini, amici: tutti in Duomo per salutare Fabrizio Cardarelli

SPOLETO – Commozione e una folla incredibile per l’ultimo saluto a Fabrizio Cardarelli. Tutti, dai comuni cittadini alle istituzioni, hanno voluto dare l’ultimo saluto al primo cittadino della città ducale, scomparso improvvisamente domenica mattina. In prima fila il vicesindaco Bececco, la presidente della Regione Catiuscia Marini, del consiglio regionale Donatella Porzi, il prefetto Raffaele Cannizzaro, l’onorevole Adriana Galgano, il senatore Stefano Lucidi e il vicesindaco di Cascia Gino Emili, per la Provincia di Perugia. Per l’ultimo saluto a Cardarelli anche moltissimo sindaci, gli assessori regionali Barberini e Bartolini, il generale dei Carabinieri Tullio Del Sette.

“Grazie Fabrizio per quello che sei stato – ha detto Boccardo – e che hai dato alla nostra città. Il Signore ti accolga e ti doni la ricompensa delle tue fatiche. Dobbiamo rompere il silenzio creato dalla dipartita di Fabrizio, interpretandola come un passaggio alla beatitudine della vita”.

“Padre, figlio e sposo. Ai figli voleva trasmettere la chiave per interpretare la vita: guardate anche chi sta indietro.
Era abitato dalla passione educativa, insegnava e dava ripetizioni gratuite a San Gregorio. Lo ricordiamo impegnato con passione nella politica. Amava Spoleto e la sua gente. Lo incontravi speso in piazza del mercato, con umanità partecipe. È stato un sindaco entusiasta e battagliero, incapace di serbare rancore.
La politica è stata per lui forma più alta di carità. Era un uomo di fede. Ci mancherà il suo sorriso e la sua umanità. Il piglio con cui affrontava i problemi”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>