Spoleto, lavoratori Cementir di Santo Chiodo riassunti dalla ditta esterna

SPOLETO – Licenziati e riassorbiti dalla ditta esterna a cui il gruppo Cementir ha affidato alcune attività. E’ questa la sorte degli operai che lavorato a Santo Chiodo di Spoleto. Lo dice direttamente il sindaco Fabrizio Cardarelli, impegnato ieri in un tavolo sindacale ospitato nello stabilimento cittadini. La notifica del licenziamento è avvenuta lo scorso 27 dicembre. La ditta che li riassumerà sarà la Teamnetwork, con cui la Cementir collabora da tempo.

Il passaggio avverrà attraverso un contratto a tempo indeterminato con tutela di tre anni, più due e la garanzia del mantenimento dell’anzianità nonché dei diritti acquisiti. A gennaio nuovo incontro la proprietà e i sindacati. Ci sono però altri 13 esuberi a Spoleto. Anche qui diplomazie al lavoro, con il sindaco che assicura che probabilmente i posti a rischio saranno cinque. Al vaglio strade alternative, come l’incentivo al pensionamento.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.