Terni, la Procura avvia un’indagine sull’affidamento dei lavori per la realizzazione dell’acquedotto Terria Pentima Turbativa d'asta il reato per il quale è stato aperto il fascicolo

TERNI – La procura di Terni ha avviato un’indagine, condotta dalla guardia di finanza, in merito all’affidamento dei lavori per la realizzazione del nuovo acquedotto Terria-Pentima da parte del Sistema idrico integrato.
Turbativa d’asta – in base a quanto si apprende – il reato per il quale è stato aperto il fascicolo, sulla scorta di un esposto presentato nell’agosto scorso dal Coordinamento dei comitati “No acquedotto Terria-Pentima” e, successivamente, dai consiglieri comunali ternani del Movimento Cinque Stelle.
Il procedimento riguarda in particolare l’affidamento diretto dell’appalto, da oltre 17 milioni di euro di contributi pubblici e degli utenti, da parte della società idrica (mista tra pubblico e privato), concesso nel 2015 alla società Severn Trent, attraverso il socio privato Umbriadue Scarl, quindi in eventuale deroga all’obbligo di indire una gara pubblica.
Circostanze, queste, ora al vaglio della guardia di finanza.
In base a quanto si apprende da fonti investigative l’indagine è comunque ancora nelle fasi iniziali

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>