Terni, la Provincia è lontana dal chiudere il bilancio 77 i dipendenti che verranno riassorbiti da Regione o da altri enti umbri

TERNI – La chiusura del bilancio da parte della Provincia di Terni è ancora lontana. Lo ha precisato il presidente Leopoldo di Girolamo illustrando quanto stabilito nell’intesa firmata da Regione, Province e sindacati. «C’è poi un percorso di verifica e valutazione – ha detto il presidente – di quanto emergerà a livello nazionale sul personale dei centri per l’impiego, della polizia provinciale e delle funzioni riconducibili a quelle fondamentali». Il presidente ha anche ricordato che le due Province umbre sono tra le 7 in Italia per le quali la normativa nazionale, così com’è, non permette ancora la chiusura dei bilanci. «Le correzioni chieste al governo, che riguardano l’utilizzo degli avanzi di amministrazione, non hanno incontrato pregiudiziali di contrarietà, attendiamo adesso però l’evoluzione della questione. Il lavoro che abbiamo fatto in Umbria – ha concluso il presidente – pur se non dà ancora piena risposta a tutte le vicissitudini esistenti, determina tuttavia una sostenibilità migliore rispetto a quella di altre realtà in Italia. L’impegno delle istituzioni continua verso l’obiettivo di evitare il ricorso alla mobilità dei lavoratori». Ad oggi, lo ricordiamo,  sono 77 i dipendenti della Provincia di Terni ricompresi tra i 235 totali destinati ad essere riassorbiti dalla Regione o da altri enti umbri nell’ambito della riforma Delrio.

 

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta