Tk-Ast, giovedì incontro al Mise: tutti i nodi al pettine

TERNI – Un tavolo per sciogliere tutti i nodi. C’è attesa per l’incontro al Mise a Roma giovedì. Un appuntamento al quale prenderanno parte l’amministratore delegato di Ast, Massimiliano Burelli, la Regione, il Comune e le organizzazioni sindacali. Il ministero dello sviluppo economico verificherà se l’accordo sottoscritto il 3 dicembre 2014 è stato rispettato oppure no.

Motivo d’incontro anche per delineare le future linee guida aziendali. “Avere un quadro di riferimento di medio periodo è fondamentale”, ha scritto il presidente del gruppo consiliare del Partito Democratico a Palazzo Spada, Andrea Cavicchioli.

“Nel contempo – continua Cavicchioli – si dovrà verificare l’adempimento degli impegni assunti da tutte le parti con l’accordo del dicembre 2014, per gli assetti e i volumi produttivi, le politiche commerciali, le infrastrutture, gli interventi per le criticità ambientali e gli altri punti previsti, nonché per il ruolo di Ast nell’ambito dei progetti per l’area di crisi complessa, anche per verticalizzazioni produttive e ricerca e sviluppo nel comporto della siderurgia. L’occasione è utile anche per chiarire la questione recentemente riemersa inerente l’estensione temporale dei benefici previdenziali dei lavoratori esposti all’amianto negli stabilimenti di Ast e Sgl Carbon e per avere dal Governo certezze su questa tematica, che in sede locale sta registrando un confronto anche a seguito dell’audizione della competente commissione del consiglio regionale di un autorevole dirigente del ministero del lavoro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.