Turismo in Umbria, bene il ponte dell’Immacolata soprattutto per i luoghi di culto

Primo test per il turismo di Natale. Il ponte lungo dell’Immacolata è servito a tastare il polso degli ingressi nelle città umbre. Sono andate bene le città del turismo religioso, Assisi in testa. La città del Poverello ha fatto registrare il tutto esaurito. Pienone anche a Santa Maria degli Angeli anche in concomitanza con l’ordinazione a vescovo di padre Vittorio Viola. A Gubbio l’accensione dell’abete più grande del Mondo con il collegamento in diretta con Papa Francesco ha richiamato migliaia di fedeli. La piazza Quaranta Martiri dove era stato allestito il maxi schermo per l’occasione, è stata riempita all’inverosimile.

Buona affluenza di turisti anche a Perugia dove i ristoranti del centro hanno lavorato molto, pieni anche gli alberghi. A Terni è andata bene la Cascata delle Marmore, un sicuro richiamo per i turisti, meno bene il mercatino del centro, quest’anno un po’ sotto tono rispetto al passato.

L’auspicio è che con le prossime festività il trend del turismo possa registrare un segno positivo anche per risollevare le sorti economiche di una regione in forte difficoltà.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.