Calcio, scatta la fase nazionale che assegnerà lo scudetto giovanissimi: Angelana in campo

ASSISI – Un mese di attesa, ma adesso è tempo di tornare a fare sul serio. E i Giovanissimi di Pierpaolo Anelli sanno che ad attenderli c’è un pezzettino di storia, e non solo angelana. Perché toccherà a Fagotti e compagni rappresentare l’Umbria nella fase finale del campionato nazionale, quella che assegnerà lo scudetto di categoria e che di fatto potrebbe consegnare agli annali un’annata che da eccezionale potrebbe tramutarsi in un autentico capolavoro. Montemilone Pollenza (Marche) e Urbe Tevere (Lazio) sono le rivali nel girone a tre della prima fase, quello che consegnerà alla prima classificata il pass per la Final Six nelle quali si deciderà la lotta tricolore. Domenica si comincia a Pollenza (ore 16): “Arriviamo a questo impegno con grande voglia di far bene”, spiega Anelli, che nell’ultimo mese ha lavorato sodo per tenere la squadra sulla corda. “Come dice Guardiola, arrivati ormai a questo punto della stagione non conta tanto la forma fisica, quanto l’aspetto mentale. Debbo dire però che fisicamente i ragazzi stanno bene, merito anche del lavoro che abbiamo fatto nelle ultime settimane. Abbiamo disputato tante amichevoli, alcune anche di prestigio (vedi quella con la Lazio), e soprattutto abbiamo aumentato la nostra autostima cercando di alzare, ove possibile, l’asticella. Arriviamo alla fase nazionale convinti dei nostri mezzi e decisi a fare il massimo per poter cullare il sogno di conquistare lo scudetto di categoria. Per l’Angelana è già un traguardo storico l’essere arrivati a questo punto della competizione, ma confidiamo di andare ancora oltre”.

ESPERIENZA UNICA Al di là di quello che sarà il risultato finale, Anelli di una cosa si dice sicuro: “Questa esperienza aiuterà i ragazzi a crescere, in particolar modo sotto il profilo della personalità. Affronteremo avversari di rango e valore, per cui serviranno maggiore grinta e determinazione. Il gruppo ha sempre lavorato con impegno e sacrificio e sin qui ha raccolto quel che ha seminato, ma adesso ci attende un confronto stimolante che dovrà servire anche e soprattutto per la loro crescita umana, oltre che calcistica”. L’avversario all’esordio è il Montemilone Pollenza, formazione che ha conquistato il campionato marchigiano la settimana scorsa superando in finale la Giovane Ancona: “Avranno dalla loro il tifo di un pubblico che ha dimostrato di saper essere un valore aggiunto, visto che c’erano 500 persone a vedere la partita. Ecco, visto che Pollenza da Santa Maria è lontana appena un’ora, mi auguro che tanta gente possa seguirci e sostenerci in questo appuntamento storico per la società. Lo meriterebbero soprattutto i ragazzi che certamente sanno di dover vivere appieno questa esperienza, ma che avrebbero certamente bisogno di essere incoraggiati e sostenuti da quante più persone”.

REGOLAMENTO La fase nazionale per l’assegnazione dello scudetto Giovanissimi/Under 15 prevede 6 gironi da tre squadre ciascuno, con la formula del triangolare con gare di sola andata. L’Angelana debutta domenica alle 16 al “Galasse” di Pollenza contro il Montemilone Pollenza: in caso di vittoria o risultato di parità i giallorossi faranno da spettatori nella seconda gara del girone (in programma il 2 giugno), che vedrà i marchigiani andare a far visita all’Urbe Tevere, mentre l’Angelana ospiterà a sua volta i laziali nell’ultima gara del girone (in programma il 9 giugno). Altrimenti, in caso di sconfitta, i ragazzi di Anelli disputeranno al “Migaghelli” la seconda sfida del girone con l’Urbe Tevere il 2 giugno, che ospiteranno poi il Montemilone Pollenza nell’ultima gara del triangolare il 9 giugno. Si qualifica alla Final Six solo la prima classificata del girone.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail