Casiraghi e Ferretti, il Gubbio va

Per il Gubbio il periodo no sembra definitivamente passato e la corsa verso i quartieri alti della classifica può riprendere a pieno ritmo. Il 2-0 esterno contro il Fano in una sorta di derby del cuore per mister Giuseppe Magi (la moglie è di quelle parti) ha confermato di essere una squadra in salute e di meritare di occupare stabilmente la zona playoff. E se ci metti un po’ di cinismo in più ecco che si può essere più che mai fiduciosi per il futuro prossimo, facendo naturalmente i debito scongiuri del caso. A colpire è stata la premiata ditta Casiraghi – Ferretti, a segno nel finale dei due tempi. I due giocatori, anche se se a dir la verita ci aveva già pensato la società nei giorni scorsi, hanno dato un calcio alle polemiche, lasciando chiaramente intendere che questo è un gruppo più che mai unito, con tanta voglia di stupire, guidato da un allenatore che al suo primo anno nei professionisti sta dimostrando le sue ottima capacità. Morale della favola, in attesa delle altre partite, la classifica si fa davvero molto interessante.

LA CRONACA – Era una partita abbastanza temuta dagli eugubini alla vigilia proprio per le difficolta che essa poteva presentare. Brava la squadra a superarle sapendo anche soffrire il giusto. Magi ha confermato in avvio il 4-3-1-2, con Casiraghi alle spalle di Musto e Ferretti. 3-5-2 invece per il tecnico del Fano Cusatis.  L’inizio è equilibrato, con un’occasione per parte: al 2′ Casiraghi impegna a terra Menegatti dal limite, mentre 10′ dopo ben più difficile l’intervento di Narciso, che salva su una punizione di Gabbianelli. Le due squadre rispondono colpo su colpo e il discusso portiere rossoblu salva di piede in uscita su Gucci, che si era ben inserito in area. Sembrerebbe terminare a reti bianche la prima frazione, ma proprio allo scadere gli umbri passano: assist al bacio di Ferretti per Casiraghi che di destro scaraventa sotto la traversa. Il secondo tempo vede i marchigiani partire in quarta per rimettere in equlibrio il confronto. Minuto 13, Gualdi raccoglie una spizzata di Masini e scheggia la traversa a portiere battuto. Della serie gol sbagliato gol subito e il Gubbio, dopo aver fatto le prove generali del raddoppio in un paio di occasioni, lo trova a 2′ dallo scadere del tempo regolamentare: Ferretti carica un destro fenomenale a scendere che supera Menegatti e si infila in porta. Saracinesca abbassata sull’incontro e gioia dei quasi trecento eugubini presenti.

Fano – Gubbio (0-2):

Fano (3-5-2): Menegatti; Zigrossi, Zullo, Ferrani; Lanini (16′ st Cazzola), Gualdi (31′ st Schiavini), Bellemo, Gabbianelli, Taino; Gucci, Masini (28′ st Borrelli). A disp.: Andrenacci, Di Nicola, Torta, Camilloni, Carotti, Favo, Sassaroli, Capezzani. All.: Cusatis.
Gubbio (4-3-1-2): Narciso; Marini, Burzigotti, Rinaldi, Zanchi; Valagussa, Croce, Giacomarro (45′ st Kalombo); Casiraghi (37′ st Ferri Marini); Ferretti, Musto (19′ st Romano). A disp.: Volpe, Marghi, Pollace, Bergamini, Conti, Costantino, Tavernelli. All.: Magi.
Arbitro: Piscopo di Imperia (Fantino di Savona e Teodori di Fermo).
Reti: 45′ pt Casiraghi (G), 43′ st Ferretti (G).
Ammoniti: Musto (G), Zullo (F), Casiraghi (G), Giacomarro (G). Angoli: 6-3 per il Fano. Recupero: 0′ pt; 3′ st. Spettatori: 2000 circa (di cui 281 di Gubbio nel settore ospiti).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.