Coni, presentato il programma della scuola regionale dello sport

La sede del Comitato Olimpico Nazionale Italiano è stato teatro stamane di un’importante conferenza stampa. Era infatti in programma la presentazione di tutte le attività previste dalla scuola regionale dello sport che rispetto al passato prevede alcune importanti novità, consultabili per intero sul portale www.umbria.coni.it. Al presidente Domenico Ignozza (nella foto) il compito di illustrare il tutto: ” “Una novità importante di questo secondo semestre sarà che la Scuola Regionale dello Sport diventerà itinerante – ha spiegato lo stesso Ignozza – Così accanto alle sedi classiche di svolgimento dei corsi, come Perugia e Terni, si aggiungeranno anche Spoleto, Foligno e Città di Castello. In futuro verrà ulteriormente ampliato il raggio di azione per poter raggiungere e formare tecnici, dirigenti ed operatori sportivi qualificati in tutta la regione”. Ma cosa fare per far crescere più concretamente lo sport regionale? “Innanzitutto è importante garantire la massima attenzione ai vivai, dove dovremmo crescere i campioni di domani e la preparazione sempre più qualificata di tecnici, dirigenti e esperti del mondo sportivo. Da qui il lavoro che il Coni ha voluto riservare all’attività formativa della Scuola Regionale dello Sport, anche facendo rete con l’Università e in particolare con Scienze Motorie, con le amministrazioni locali, la Regione e i vari organi professionali”. Il numero uno dello sport umbro ha infine precisato che ogni argomento affrontato sarà ampliato con riferimento allo sport paralimpico. Importante anche il contributo di Franco Falcinelli, direttore scientifico della SRdS (Scuola Regionale dello Sport), che ha voluto sottolineare come questa programmazione possa riguardare anche aspetti psicologici e tecnici, ma anche gli attuali temi che si riferiscono alla sicurezza degli impianti sportivi e problematiche legali. “Un programma quindi intenso – ha spiegato Falcinelli – che questa volta proporrà anche argomenti ad indirizzo psico-sociale, accanto a quelli specialistici per attività sportiva di èlite”. Spazio infine ai corsi di primo soccorso che, secondo Ignozza, “diverranno fondamentali e per qusto motivo la Federazione sara attiva già da domani”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.