Foligno, Giunti: “Domani obbligatorio partire bene”

Dopo amichevoli contrassegnate da luci ed ombre anche in casa Foligno scocca l’ora dell’esordio. Al Blasone domani, con inizio alle ore 15, arriverà il Jolly Montemurlo, squadra assolutamente da non sottovalutare. Sulla carta il Falco riveste il ruolo di favorita e in tutto l’ambiente biancoazzurro c’è una sola missione da compiere: partire bene ed ottenere subito i tre punti, la giusta medicina per mantenere il morale alto e di conseguenza disputare quel campionato di vertice che è l’obbiettivo dichiarato della nuova società targata Damaschi – Pandalone. Il tecnico Federico Giunti, nella conferenza stampa della vigilia, ha dimostrato di essere fortemente cinsapevole di questo concetto: “Non vediamo l’ora di iniziare, questa settimana ho visto il sacro fuoco negli occhi dei ragazzi; sappiamo di andare ad affrontare una squadra molto competitiva, ho chiesto ai miei di giocare con intelligenza e con il cuore dove non riescono ad arrivare le gambe. L’approccio al match sarà simile per entrambe le squadre, nessuna delle due ha partite ufficiali alle spalle e quindi la condizione non potrà essere delle migliori. Loro sono una squadra molto solida, che ha fatto un mercato importante, ma io penso ai miei: ho un gruppo di giocatori che come qualità si equivalgono. Dobbiamo affrontare tutti alla stessa maniera, sempre sul pezzo”. Il fattore pubblico in un campionato difficile come questo (basti pensare che il girone E annovera anche il Gubbio, altra candidata alla vittoria) può incidere in maniera netta sul rendimento della squadra: “Se vogliamo fare un campionato al vertice della classifica dobbiamo sfruttare al meglio le partite casalinghe, spero che già da domani i tifosi vengano numerosi allo stadio, abbiamo bisogno del loro supporto”. E non sarà difficile che quest’appello venga accolto visti i risultati più che lusinghieri della campagna abbonamenti. Adesso come sempre la parola passa al rettangolo verde

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.