Il Perugia si lecca le ferite e domani riprende gli allenamenti. Attesa per Han

Ancora una sconfitta immeritata per il Perugia, chiamato a ripartire. Anche il prossimo impegno sarà di quelli severi, con l’arrivo al Curi del Pescara rivelazione nel posticipo serale di domenica 2 dicembre e il gruppo sarà nuovamente chiamato a leccarsi le ferite e mostrare una reazione di orgoglio dopo il salto di qualità mancato, anche se la colpa non è soltanto da ascrivere ai giocatori. La cervellotica espulsione di Falasco ha inciso non poco sul risultato finale ed i rimpianti certamente non mancano.

Bisogna però guardare avanti: da domani i Grifoni inizieranno a pensare alla sfida contro gli abruzzesi di Pillon, una squadra giovane ma dallo spiccato senso di personalità e organizzazione di gioco (e i risultati ottenuti non possono che essere una conseguenza di questo). Alessandro Nesta ha infatti deciso di concedere un giorno di riposo supplementare alla squadra per non affaticarla troppo visto che si giocherà appunto domenica.

Ci sarà un osservato speciale, cioè l’attaccante nordcoreano Han, che non è stato convocato in occasione di Benevento pur avendo svolto buona parte della rifinitura con il gruppo. Il folletto asiatico avrà una settimana intera per dimostrare che l’infortunio è oramai alle spalle e di poter essere un giocatore su cui contare in vista del match contro i biancoazzurri, a cui lo scorso anno ha già fatto male. Non ci sarà invece Nicola Falasco, che verrà sanzionato con un turno di squalifica a causa del rosso rimediato al Santa Colomba.

La formazione iniziale, anche se ovviamente è prematuro il discorso, potrebbe vedere l’inserimento di El Yamiq, favorito su Felicioli, al posto dell’ex Avellino. Occhio anche in attacco, con Han che potrebbe spuntarla, se riuscisse a fare un buon lavoro, su un Vido ancora apparso evanescente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.