Motogp, la frizione tradisce Petrucci che chiude dodicesimo in Australia

Davvero un periodo sfortunato per Danilo Petrucci, che non appena ha assaporato la possibilità di inserirsi per la lotta alle posizioni di vertice è stato tradito dalla frizione che lo ha costretto ad una rimonta ai limiti dell’impossibile. Alla fine il pilota della Pramac riesce seppur a fatica a piazzarsi 12° ed andare dunque a punti. La vittoria del Gran Premio di Phillip Island è andata a Maverick Vinales, alla sua prima affermazione in carriera, davanti a Iannone e Dovizioso. Il prossimo appuntamento è tra una settimana a Sepang.

La gara in sintesi Petrux parte nel migliore dei modi e alla prima curva è in testa alla corsa, salvo poi dover uscire di pista a causa di un problema alla frizione che gli fa accumulare venti secondi dalla prima posizione. Il ternano però non si perde d’animo e riesce a recuperare qualche posizione, fino alla dodicesima che gli consente appunto di andare a punti.

La classifica Per effetto di questo piazzamento Petrucci guadagna 4 punti, rafforzando il sesto posto in classifica generale e rimanendo in corsa per il premio di First Independent rider ad 11 lunghezze da Cal Crutchlow. Risultato importante anche per l’Alma Pramac Racing, che a due gare dalla conclusione del mondiale detiene un vantaggio di 51 punti su LCR Honda nella classifica riservata ai Team Independent.

Il commento di Danilo Queste le parole del centauro ternano al termine della gara: “E’ davvero un peccato. Fin dal warm up sentivo di avere un grande feeling. Sono andato in pista determinato e ho fatto la mia migliore partenza in carriera. Purtroppo alla seconda curva ho avuto un problema alla frizione. Mi dispiace molto ma queste sono le gare: una volta è il pilota a commettere un errore, un’altra volta è la moto a tradire. Ci rifaremo domenica prossima”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.