Perugia, Breda: “Bravi a recuperare. I tre davanti? Dobbiamo lavorarci di più”. A Carpi rientra il solo Bianco

Il Perugia non riesce ad andare oltre l’1-1 interno contro il Venezia, ma nello stesso tempo, nonostante questo risultato non fosse quello che ci si attendesse, le distanze in classifica restano invariate.

Un po’ di insoddisfazione sul volto del tecnico ospite Filippo Inzaghi, che di portare via i tre punti dal Curi ci aveva fatto la bocca: ” C’è grande rammarico. Prima della partita ci avremmo messo la firma per questo risultato, dopo no, perchè il nostro portiere è rimasto praticamente inoperoso. Siamo andati meritatamente in vantaggio e dovevamo chiudere la gara prima, anche se è impossibile non soffrire con attaccanti come quelli che ha il Perugia. Mantenendo questa personalità possiamo coronare il nostro sogno”. Bisogna invertire però il trend per le gare in esterna: “Su sette partite in casa ne abbiamo vinte sei, furi abbiamo raccolto meno di quanto meritato, ma dobbiamo essere più efficaci. Quella di oggi era una gara complicatissima. Dobbiamo crederci e non mollare, per tentare di rimanere nei playoff. La partita di martedì sara fondamentale”.

Non perde il suo proverbiale aplomb Roberto Breda: “Siamo partiti bene, poi siamo rimasti in dieci qualche minuto e abbiamo perso delle sicurezze. Nella ripresa siamo andati sotto. Se avessi pareggiato prima avresti magari affrontato il forcing finale con più forza. Siamo stato bravi a recuperare, ora ci dobbiamo preparare bene per martedì per cercare di recuperare qualcosa a chi ci precede”. Ha sorpreso la scelta di Zanon: “Con il cambio di modulo serviva trovare equilibri diversi. In più Damiano si è sempre allenato benissimo”. Il modulo a tre punte è da considerare rivedibile: “Siamo partiti bene, ma poi i riferimenti che avevamo potevano essere diversi. Serve lavorarci di più”. Il tecnico non vuole sentire parlare di difficoltà legate agli assenti: “A me piace parlare di chi ha dato tutto. Capita a volte che manchino giocatori a noi e poi ad altri. Dobbiamo solo pensare a lavorare”. Sul gol subito: “È il primo subito da calcio da fermo. Siamo comunque riusciti a creare alcune buone occasioni in questo modo”. Ed infine: “Le risposte le hanno date i ragazzi. Ci sono momenti in cui si fa più fatica, ma la voglia di fare punti c’è sempre stata. Ad Avellino nulla è andato bene, oggi siamo tornati propositivi e volitivi. Le chiacchiere lasciano il tempo che trovano. Facciamo bene a Carpi poi vediamo. Pensiamo a preparare una partita per volta nel migliore dei modi”.

Non giungono buone notizie dall’infermeria. A margine della conferenza stampa il tecnico biancorosso ha confermato che per la trasferta di Carpi, valevole per il turno infrasettimanale, l’unico a rientrare sarà Bianco, ieri in tribuna per squalifica. Per gli infortunati invece non ci sarà nulla da fare.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta