lunedì 22 gennaio 2018 - aggiornato alle ore 18:54        

Perugia, Breda: “Siamo stati positivi e propositivi”. La gioia di Falco: “Non è stato facile stare fuori…”

Breda post ascoli

Nessun tesserato dell’Ascoli si presenta in sala stampa, e così Roberto Breda può commentare con estrema lucidità la vittoria strappata in pieno recupero: “È stata una partita difficile, in cui i ragazzi hanno cercato di essere positivi e propositivi. L’Ascoli è abituato a fare questo tipo di gare. Sono contento per Falco, che ha anche segnato, e per Cerri. Ma a piacermi è stato l’atteggiamento di tutti”. Può essrre questa ritenuta la partita della svolta? “Non mi piace parlare in questi termini, ora ci aspetta un’altra battaglia a Salerno. Dare continuità è importante. Bene, perchè nelle difficoltà è importante reagire bene. Dietro questo c’è un ottimo lavoro da parte dello staff”. Ingresso tardivo per Cerri? “Era già un cambio tattico, avevo paura di cambiare troppo prima del tempo. Se l’ho messo tardi? Prima o dopo va bene lo stesso – sorride il tecnico del Perugia – basta che il risultato sia arrivato”. Elogio per l’autore del gol, Filippo Falco: “Da quando sono arrivato ha sempre lavorato bene. È entrato con l’atteggiamento giusto ed è stato premiato”. Prossima tappa Salerno in una sorta di partita del cuore, viste le otto stagioni trascorse in maglia granata, buona parte delle quali con la fascia di capitano al braccio: “È stata una tappa fondamentale, ma voglio fare punti”. Chiusura con una dedica speciale: “Questa vittoria è per mia figlia Benedetta, che oggi ha compiuto gli anni”.

Filippo Falco, autore del gol vittoria, si prende giustamente la scena: “Finalmente ho giocato, cosa che mi mancava da tanto tempo. Non sono stato bene il primo mese, poi sono entrato in condizione. Le scelte? Sono un professionista, mi sono sempre allenato al 100% poi decide l’allenatore”. Partita difficile quella sbloccata dalla sua realizzazione: “Loro erano molto chiusi e centralmente trovavamo poco spazio. Dovevamo giocare più sugli esterni, poi siamo stati bravissimi a leggere bene le varie situazioni”. Un auspicio per il futuro: “Voglio più spazio, che è fondamentale. Spero che questo gol cambi qualcosa”. Un elogio al suo compagno di reparto, Cerri, pure lui determinante: “Sa giocare a calcio, mi ha fatto un grande assist”. Il Perugia è atteso da due impegni difficili: “Salernitana e Bari sono partite che si preparano da sole. Abbiamo sofferto con le più piccole e questo credo sia un problema di atteggiamento. Non è questa la classifica che ci compete e dobbiamo fare di tutti per ripartire”. Anche per lui la dedica di rito: “Alla famiglia, che mi ha supportato nei momenti difficili, e a quanti mi vogliono bene”. Infine un appello ai tifosi: “Il bello del calcio sono loro, spero che il rapporto si possa recuperare. Non è facile giocare con questo clima, ma starà a noi con le prestazioni sul campo riconquistarli”.

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta