Perugia, Nesta: “Ho detto ai ragazzi di fermarsi e di accontentarsi del punto”

Il Perugia non riesce ad andare oltre lo 0-0 sul campo del Lecce secondo in classifica ma questa volta sono tante le note positive. prima di tutto quella di non aver rimediato l’ennesima sconfitta immeritata. Alessandro Nesta confessa: “Ci è capitato diverse volte di aver preso gol e perso delle partite che meritavamo di vincere, per cui ho preferito dire ai ragazzi di fermarsi ed accontentarsi del pareggio”. Un risultato conquistato al cospetto di un avversario ostico: “Ora il problema per il Lecce arriva quando si alzerà l’asticella delle aspettative. E’ una squadra che mantiene i terzini molto alti, noi abbiamo la fortuna di avere Kingsley a cui piace spingersi molto allargandosi, quindi abbiamo puntato su questo aspetto tattico e abbiamo avuto occasione di far gol”. Infine una battuta sull’amico Liverani: “E’ stato uno dei pochi che ho invitato al mio matrimonio, è rimasto un bel rapporto malgrado avessimo giocato poco assieme”.

Proprio Fabio Liverani, il grande ex della partita, dice ad Umbria TV: “E’ stata una partita in cui ci sono state parecchie occasioni da gol, noi con il palo, loro con le occasioni sventate da Vigorito. Le squadre si sono affrontate con la testa sgombra e l’atteggiamento giusto grazie al fatto che la classifica non mette ansia. Ed è venuta fuori una bella partita”. L’Umbria è sinonimo di grandi ricordi per il tecnico giallorosso: “Io credo molto al destino e devo dire che evidentemente l’Umbria è nel mio: da giocatore sono passato dalla Viterbese al Perugia a 23 anni, quando ormai non mi aspettavo più di riuscire a entrare nel calcio che conta; da allenatore sono rientrato nel giro prendendo una Ternana ormai spacciata e portandola alla salvezza. L’Umbria mi porta bene”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.