Sir Conad, Bernardi: “Decisivo non aver chiuso il primo set”

L’epilogo è stato di quelli impensabili. Trento sembrava alle corde sin dalle battute iniziali, ma una sua grande reazione, uniti ad alcuni errori di concentrazione di Perugia, ha rimesso in discussione sia gara due che tutta la serie. Emblematico quanto accaduto nel primo set, quando i Block Devils, in vantaggio 24-20, non sono riusciti a chiudere facendosi raggiungere e superare ai vantaggi.

E’ stato proprio questo il momento decisivo, secondo l’analisi del coach Bernardi a fine partita: “Nell’economia della partita aver perso il primo set in quella maniera rocambolesca ha sicuramente pesato moltissimo. Sul 19-24 abbiamo subito un parziale di sette a zero, sicuramente è stato un momento decisivo della partita. Successivamente eravamo rientrati bene andando avanti due set ad uno mentre nel quarto set siamo partiti male ed abbiamo sprecato tante opportunità per fare punto e mostrare il nostro gioco. Questi sono i play-off, come ho sempre detto dobbiamo essere bravi a gestire le vittorie e al tempo stesso le sconfitte. Adesso c’è da riposare e recuperare le energie perché mercoledì abbiamo la gara di champions league contro Novosibirsk. Poi penseremo a sabato, il Pala-Evangelisti può darci una mano anche se l’ultima volta non era proprio gremitissimo. Noi ci prepareremo bene e sono sicuro che la squadra sarà pronta come lo era stavolta, non sono assolutamente preoccupato di questo, analizzeremo la partita ma mi pare abbastanza chiaro che siano state più le nostre responsabilità che non i meriti dell’avversaria. Nota lieta il rientro dello schiacciatore Aaron Russell che è un grandissimo giocatore e può fare la differenza nei momenti topici anche se è umano pure lui, per il momento dobbiamo ringraziare il lavoro che ha fatto Alexander Berger che ci ha dato una grossa mano nelle vittorie conseguite”.

Proprio il calendario fitto aumenta il rammarico dei bianconeri di non poter chiudere i conti sul tre a zero. Si andrà quindi almeno a gara quattro, con Atanasijevic e compagni che dovranno tornare a Trento subito dopo la lunga trasferta in Siberia valevole per i playoff a sei di Champions. L’andata mercoledì a Perugia e anche questo sarà un appuntamento da non fallire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.