Ternana, buon punto a La Spezia. Forte rimedia al gol inziale di Finotto

SECONDO TEMPO – Non cambia il punteggio al Picco nei secondi 45′. La Ternana strappa un punto utile al Picco riavvicinando la zona playout, ora distante soltanto tre punti. È stato un secondo tempo avaro di grandi emozioni, se ci ecettua il palo colpito da Pessina. La Ternana finisce per accontentarsi e può quindi guardare al futuro con maggiore serenità.

PRIMO TEMPO – Finisce con qualche rammarico 1-1 la prima frazione tra Spezia e Ternana. Le Fere giocano grande autorità al Picco e riescono a passare in vantaggio con Finotto, che al 28′ concretizza un pregevole schema su punizione battuta da Tremolada. Dopo aver sfiorato ripetutamente il gol del raddoppio allo scadere arriva la beffa: un passaggio fortuito di Marilungo mette in condizione Forte di insaccare con una potente botta ravvicinata di sinistro.

SPEZIA (4-3-1-2): Di Gennaro; De Col, Terzi, Ceccaroni, Lopez; Pessina, Bolzoni, Maggiore; Mastinu; Forte, Marilungo. (Manfredini, Giani, Capelli, Masi, Augello, Juande, Mora, De Francesco, Ammari, Vetteroni, Granoche, Gilardino). All: Fabio Gallo.

TERNANA (4-3-1-2): Sala; Vitiello, Rigione, Signorini, Favalli; Defendi, Bordin, Signori; Tremolada; Montalto, Finotto. (Plizzari, Ferretti, Gasparetto, Valjent, Zanon, Varone, Angiulli, Albadoro, Piovaccari, Carretta, Repossi, Statella). All: Luigi De Canio.

Il tanto sospirato ritorno alla vittoria ha migliorato di poco la situazione di classifica dei rossoverdi, che cercheranno alla Spezia quantomeno un risultato utile per cercare di riaccendere ulteriormente la fiammella della speranza. Compito difficile, in primo luogo perchè quello del Picco è un campo storicamente ostico per i rossoverdi, in secondo luogo perchè i liguri vengono da una sconfitta interna contro il Cesena e vorranno riscattarsi per non perdere ulteriore contatto con la zona playoff. Mister De Canio dal canto suo è ottimista perchè finalmente ha potuto lavorare con il gruppo per tutta la settimana, cosa che dal suo arrivo non era ancora stato possibile fare, e dovrebbe riconfermare il 4-3-1-2, come del resto anche la formazione spezzina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.