Assisi, Verso le comunali: si moltiplicano i candidati

ASSISI – Ricci parteciperà alla competizione elettorale con un “suo” candidato che -probabilmente- sarà una lei: Patrizia Buini, attuale Presidente del Consiglio comunale  nonché presente per lui alle ultime regionali. Com’è vero che la Buini è l’espressione “naturale” dell’ex sindaco di Assisi è altrettanto vero che niente è scontato visto e considerato che non tutte le posizioni politiche hanno, ad oggi, espresso un candidato. Vediamo meglio a che punto siamo. La Lega Nord correrà da sola o sosterrà un nome condiviso? A questa domanda il consigliere Luigi Tardioli risponde che il nodo sarà sciolto «a fine febbraio. Al momento il Senatore Stefano Candiani sta valutando quale sia la persona migliore a rappresentare il Carroccio alle comunali». Forza Italia su scala locale è incarnata da Giorgio Bartolini, già sindaco della città serafica, che da tempo si dice pronto a guardare al futuro, a dialogare con tutti, ma sul candidato da sposare ci è sembrato chiaro: nessuno dell’attuale maggioranza. Vi è poi Moreno Fortini, pronto a fare un passo avanti dopo dieci anni d’assessorati importanti prima l’urbanistica e poi i lavori pubblici. Un uomo pragmatico, ex Pdl, lanciato da Bartolini e valorizzato da Ricci, che potrebbe anche sanare la “rottura” tra i due. Tra le dinamiche interpersonali e le divergenze politiche spunta Francesco Morini, pronto a correre per la poltrona di sindaco con Realtà Popolare. Non da oggi, vi è Francesco Mignani che definisce la sua candidatura come “civica” e si dice pronto a fare un passo indietro solamente nel caso in cui si affacciasse sulla scena politica assisiate una figura particolarmente autorevole. C’è grande fermento tra i pentastellati che proseguono gli incontri nel territorio in vista della stesura del programma ma anche di ‘ipotesi’ di candidature nonostante su questo non si siano dati delle scadenze precise. La sinistra si è già distinta in due gruppi: uno riconducibile a Stefano Vinti e l’altro A sinistra per il bene di Assisi dove gli oltre cinquanta firmatari propongono la presenza elettorale di una lista di sinistra e alternativa al PD chiaramente con un proprio candidato. Non ultimo -almeno numericamente- il PD, attualmente il più grande partito a livello nazionale, che però in Assisi non ha mai svettato in termini di consensi. Il segretario locale rassicura che uno specifico gruppo da agosto lavora per individuare la migliore personalità per la candidatura ma a tutt’oggi nessun nome è saltato fuori. Molte le indiscrezioni, a cominciare dal capogruppo in consiglio comunale, ma nessuna posizione ufficiale. Tuttavia si sa, il paese è piccolo ed i ben informati sostengono che un candidato c’è eccome! Negli ultimi giorni qualcosa sulla stampa è trapelato ma in maniera piuttosto imprecisa e comunque la scelta non sembra affatto essere unanime. Infine, resta la domanda delle domande: l’attuale sindaco facente funzioni Antonio Lunghi, che governa non senza polemiche dentro la sua maggioranza, si candiderà? Ce chi dice sì, c’è chi dice no. Lui fino ad oggi ha sempre eluso la domanda rispondendo «Adesso bisogna amministrare poi si vedrà». Insomma ancora tutto in divenire comprese le alleanze che saranno le vere protagoniste di questa tornata elettorale considerando che presumibilmente, con il cospicuo numero dei candidati, nessuno verrà eletto al primo turno. Vedremo nelle prossime settimane se e come cambieranno le geometrie politiche della città di Assisi, patrimonio mondiale dell’umanità.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.