Chiude la polizia postale di Terni, il Sap si appella a sindaco, politici e parlamentari

TERNI – “La Polizia Postale e delle Comunicazioni sarà soppressa a Terni entro 6 mesi. Un taglio previsto dal Governo e soprattutto dal Viminale che ha deciso di cancellare circa 300 presidi di sicurezza in tutta Italia. Nella nostra città criminali informatici e pedofili on line già stanno festeggiando perché le indagini su queste delicate materie rischiano di essere azzerate”.

E’ quanto afferma Angelo Vittori, segretario provinciale del sindacato di polizia Sap, prima organizzazione per numero di iscritti a Terni e provincia.

“I cittadini – spiega Vittori – saranno privati di un servizio essenziale quale è il contrasto alla pedofilia ed a tutti i reati connessi ad internet e all’uso delle nuove tecnologie, che vede spesso protagonisti proprio i minorenni per via della diffusione degli smartphone. L’unico ufficio competente per materia resterà quello di Perugia che, allo stato dei fatti, è a malapena in grado di svolgere la propria attività nel territorio di riferimento. Chi svolgerà adesso direttamente nelle scuole quell’attività di formazione/informazione a beneficio dei più giovani per educarli ad un uso consapevole di internet e per renderli consapevoli delle tecniche utilizzate dai pedofili e dagli stalker? Nessuno, perché la Polizia Postale e delle Comunicazioni a Terni sparirà”.

“Chiediamo al sindaco, ai politici locali tutti e ai parlamentari umbri – conclude il segretario provinciale del Sap – di attivarsi subito e concretamente e intervenire per impedire questo scempio”

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>